La valutazione della condizione atletica nel calcio: condizione “necessaria”, ma non “sufficiente” (prima parte)

immagine 2

Dopo più di 3 anni dal mio primo articolo sulla valutazione atletica del calciatore, mi sono accorto quanto sia grande il gap tra la teoria espressa dal maggior numero delle ricerche scientifiche sull’argomento e l’applicazione pratica nell’allenamento. All’inizio ero convinto

Tattica individuale: lo smarcamento del mediano metodista

tattica-utilizzo del metodista-31

Esercitiamo la ricerca del mediano metodista quale fonte di gioco e la capacità di smarcamento a ricevere dello stesso. In serie A e B è nota la tendenza delle squadre schierate con il centrocampo costituito da un centrocampista centrale e due centrocampisti

Combinazioni in fase offensiva

azione d'attacco - triangolo-filtrante-cross-8

Proponiamo quattro esercizi prettamente basati su un metodo didattico induttivo per lo sviluppo del gioco in zona ultra offensiva, finalizzato al gol. Tre gli elementi attivi: un centrocampista centrale, un esterno, una punta. Oltre alle componenti di tecnica di base, si

La rapidità del Venerdì (quarta parte)

rombo rapidità 4

Continuiamo la rassegna dedicata alle sedute di rapidità “pre-partita”, che solitamente nei settori dilettantistici, corrisponde al Venerdì sera.  La prima parte era stata dedicata al razionale della somministrazione di questi mezzi (massima intensità muscolare in regime di rapidità) e alle

L’aspetto ludico della seduta: il “foot-golf”

footgolf

Una proposta ludica per affinare la calibrazione della trasmissione del pallone e quindi la sensibilità del piede di calcio. E’ un ottima esercitazione per le scuole calcio ma costituisce altresì un valido contributo per giocatori di fascia d’età più evoluta

Allenamento polifunzionale: corsa, conclusione e tattica individuale

1vs1

I giocatori A e B partono contemporaneamente eseguendo entrambi degli esercizi coordinativi, rispettivamente agli over bassi e alle scalette, con successivi cambi di direzione ai paletti e attacco alla palla, per condurre poi sino alla sagoma, fintare e concludere a

Esercitazioni di tattica individuale: 1vs1

1vs1

Due gruppi, di giocatori: A e B partono contemporaneamente con una corsa alla scaletta (coordinazione), stabilendone di volta in volta, le modalità. Giungono in A1 e B1, ed eseguono uno sprint verso il cono centrale in A2 e B2. Comanda (si

Vibrazioni-oscillazioni muscolari ed accessori per correre più veloce (seconda parte)

elasticità

Nella parte precedente del documento abbiamo visto come solo se le catene muscolari sono dotate di un’adeguata elasticità/forza muscolare specifica (detta anche stiffness), sono in grado di rispondere alle sollecitazioni dell’impatto del piede al suolo in maniera ottimale, restituendo la

Vibrazioni-oscillazioni muscolari ed accessori per correre più veloce (prima parte)

Senza nome

Con quello odierno, inizieremo a trattare un argomento particolarmente importante, ed altrettanto trascurato, della fisiologia muscolare con importanti ricadute sul rendimento energetico della corsa, e di conseguenza sulla performance; cercheremo poi di comprendere l’utilità degli accessori utilizzati nel mondo del

Capacità coordinative e 1vs1

1 VS 1

Quattro gruppi di giocatori. I due contendenti A e B partono contemporaneamente con una corsa coordinativa nei cerchi, adeguandola alla loro distanza (differenziazione) e arrivano veloci sul cono centrale in A1 e B1. Si stabilisce chi comanda il movimento, in

Natural running e scarpe minimaliste (seconda parte)

scarpa

Dopo aver analizzato (nella prima parte) gli esiti delle ricerche sull’argomento e le proposte delle case produttrici ASICS e INOV, andremo a trarre alcune conclusioni ed indicazioni per l’allenamento con questo tipo di calzature. Il concetto di base è che

Coordinazione e tecnica di base

Circuito Tecnico e Coordinativo 1

Il giocatore A parte correndo tra gli over , esegue uno sprint ed arriva in A1; qui attacca la palla la conduce in A2 e scarica (1) su B che nel mentre,  ha effettuato uno spostamento in B1 e con un

Psicocinetica con pallone e componente tecnica del tiro

psico-palloni-tiro-4colori-15

Consideriamo tre varianti di esercizio per integrare la rapidità di decisione ed esecuzione del gesto sollecitato da uno stimolo esterno, alla componente tecnica del tiro in porta.  Tre giocatori partono in una forma di skip stabilita (calciato, basso, ecc.), sino

Coordinazione e tecnica di base

Circuito Tecnico e Coordinativo

Il giocatore A parte in conduzione di palla ed effettua uno slalom tra i coni; arrivato in A1 scarica (1) sul compagno B che ha effettuato una corsa tra gli over  adattandola alla loro distanza, differenziazione. Sempre B con un controllo

Trasmissione della palla: “La Stella a 5 punte”

Stella 4

Analizziamo oggi un esercizio per la trasmissione della palla che, con opportune varianti (analitiche e globali), si adegua a diverse categoria di età. La struttura di base è formata da 5 giocatori (o 5 file per le varianti successive) equidistanti

Circuito tecnico coordinativo

1

Il giocatore A inizia in conduzione ed effettua uno slalom tra i coni, B parte contemporaneamente con una corsa tra i cerchi, adeguandola alla loro distanza (differenziazione della corsa). A giunge in A1 e trasmette palla a B1 (1), che con

Match analysis: innovazione nel sistema di raccolta dati

Schermata 2014-09-07 alle 10.33.04

Importanti novità in casa SICS, l’azienda bassanese leader a livello italiano ed europeo della match analysis calcistica e delle analisi fisico-atletiche. Da questa stagione Sics inizia ad applicare un innovativo sistema di raccolta dati sulle partite di calcio sviluppato e

Quanto incidono gli infortuni sul risultato finale?

penultima

Oggi affrontiamo un argomento molto importante (l’influenza sul risultato degli infortuni nel calcio), approfondendo una ricerca del 2013 che si prefigge di valutare se esiste correlazione tra tasso di infortuni e risultato nel calcio (vedi in fondo alla pagina i

1 VS 1 con sprint e frenata

1 vs 1 CON SPRINT E FRENATA

I giocatori A e B partono contemporaneamente affrontando rispettivamente un percorso con corsa nei cerchi e una corsa tra gli over bassi, adeguandola alla loro distanza (differenziazione). Successivamente effettuano tre sprint di 5 mt. intervallati da due frenate in uno spazio

Riscaldamento tecnico: Guido e passo (terza parte)

guido e passo 8

Nel precedente articolo, abbiamo analizzato l’evoluzione di un mezzo presentato un anno fà, per l’allenamento della trasmissione della palla e il controllo orientato. L’obbligo dell’esecuzione analitica, l’inserimento del “terzo uomo” e le componenti psicocinetiche, permettono di modulare le difficoltà esecutive

1 vs 1 condizionale

1 vs 1 ATLETICO E BIS1

I giocatori A e B partono contemporaneamente con uno sprint lanciato di 2 mt. poi affrontano uno sprint massimale di 5 mt., recuperano effettuando skip alla scaletta, cambiano direzione all’altezza del conetto, e attaccano la palla per conquistarla ed effettuare

Polifunzionalità: attività aerobica, capacità coordinative e tiro in porta

CORSA E CONCLUSIONE

I giocatori A e B partono contemporaneamente eseguendo entrambi degli esercizi coordinativi, rispettivamente agli over e alle scalette, con successivi cambi di direzione ai paletti e attacco alla palla, per condurre sino alla sagoma, fintare e concludere a rete di

Il ruolo del preparatore atletico “moderno” nelle squadre dilettantistiche

figura 1

Con l’avvento del concetto di Potenza Metabolica, si è approfondita la comprensione del modello funzionale del calcio e di conseguenza anche alcuni aspetti dell’allenamento atletico. Malgrado questo, alcuni rami della ricerca scientifica si fossilizzano ancora su elementi che poco si

Tattica individuale: proposta per l’1vs1

1 VS 1

4 gruppi; i due contendenti A e B partono contemporaneamente con una corsa coordinativa nei cerchi, adeguandola alla loro distanza (differenziazione) e arrivano veloci sul cono centrale A1 e B1. Si stabilisce chi comanda il movimento, in questo caso A,

Riscaldamento tecnico: Guido e passo (seconda parte)

guido e passo 5

Quella di oggi è un’esercitazione tecnica che sfrutta la stessa struttura esercitativa proposta più un anno fà. In essa troviamo anche elementi psicocinetici semplici, utilizzati nell’esercitazione dedicata allo sviluppo del lungo/corto. Quella odierna presenterà maggiori difficoltà tecniche relative alle “distanze