Come leggere le situazioni che si creano in campo : la lettura delle palle coperte e scoperte

a

INTRODUZIONE

In una partita di calcio si presentano innumerevoli situazioni a cui ogni giocatore deve far fronte nel minor tempo possibile.

L’organizzazione di gioco di una squadra aiuta nella lettura di diverse situazioni che possono essere ovviamente a nostro favore o a nostro sfavore.

Riuscire a leggere i diversi momenti di gioco e rapportarsi ad essi più velocemente possibile, ci pone in una situazione più vantaggiosa rispetto ai nostri avversari.

Tra le tante situazioni che si possono presentare, è bene chiarire due situazioni di gioco tipiche della fase difensiva: le situazioni di palla coperta e palla scoperta.

PRINCIPI E DEFINIZIONI

Innanzitutto  è bene chiarire i due concetti di palla scoperta e palla coperta.

Palla coperta si intende che il giocatore avversario non ha libertà di movimento in avanti e quindi libertà di passaggio in avanzamento. Molto spesso questo è pressato da un avversario con l’obbiettivo di togliergli tempo e spazio di giocata.

Con palla scoperta si intende che il giocatore avversario ha libertà di movimento e passaggio in avanti, esente da pressione avversaria.

Ognuna delle due situazioni deve essere letta e interpretata tenendo sempre dei punti di riferimento, che sono:

  • Palla
  • Avversario
  • Compagno
  • Posizione in campo

Se ci troviamo in una situazione di palla coperta, ossia quando il giocatore avversario ha libertà di visione, è opportuno che ci sia una nostra pressione sul portatore di palla, con una contemporanea risalita della linea difensiva.

Il giocatore che andrà in pressione deve stare attento a non farsi dribblare facilmente ma apportare pressione per ritardare l’azione o recuperare palla.

Inoltre deve cercare di far giocare l’avversario o all’indietro o in una zona oppure in modo a noi di facile lettura:

  • Se gioca all’indietro noi avremo tempo di risalire e allontanare le minaccia;
  • Obbligandolo a giocare in una zona a noi favorevole, ovviamente noi avremo più possibilità di recuperare palla;
  • Se ad esempio lo mettiamo in condizione di giocare solamente lungo, sarà a vantaggio dei nostri difensori perché la palla lunga è una traiettoria leggibile dai difensori
  • Un altro metodo di contrastare la sua giocata è certamente il fuorigioco

Aspetti a nostro favore in una situazione di palla coperta sono sicuramente:

  • Passaggio all’indietro dell’avversario
  • Lancio lungo
  • Un raddoppio sul portatore di palla
  • Posizione del portatore spalle alla nostra porta

Se ci troviamo invece in una situazione di palla scoperta, gli atteggiamenti della squadra dovranno ovviamente cambiare.

Con la palla scoperta ci troviamo in una situazione di pericolo e quindi tutti gli elementi in gioco dovranno stringersi a protezione della porta.
Se prima con palla coperta la linea difensiva risaliva, adesso indietreggia stringendosi a protezione della porta.

Se si decide di adottare il fuorigioco, scelta più logica rispetto la palla coperta, allora questo movimento di indietreggiamento deve essere accompagnato da una veloce risalita al momento della giocata dell’avversario , per lasciare gi attaccanti alle spalle della linea difensiva: possiamo riassumere questa combinazione di movimenti nella dicitura elastico difensivo.

Quindi con Palla scoperta la difesa indietreggia a protezione della porta stringendosi, con palla coperta la linea sale in ampiezza

Fig.1.1

 

Esempi di esercitazioni base in situazione

Un esercitazione base per far comprendere ad ogni singolo giocatore i due concetti è sviluppata lavorando con solo due o tre giocatori per situazione.

Nella situazione di partenza, situazione uno ossia allenante per la fase di palla coperta, il centrocampista passa la palla al suo compagno che andrà incontro per ricevere con la conseguente salita in contemporanea del difensore perché il suo avversario andrà in situazione di palla coperta essendo spalle alle porta, non appena la ripasserà al compagno il difensore indietreggia.  Nella situazione due, allenante la fase di palla scoperta, il centrocampista avanzerà palla al piede e di conseguenza , essendo l’avversario in situazione di palla scoperta, il difensore indietreggerà a protezione della porta (Fig. a – b).

Fig. a

Fig. b

Un ‘altra esercitazione che può essere precursore delle esercitazioni con l’impiego di più giocatori e quindi del reparto, è quella in cui sono implicati nell’esecuzione contemporaneamente allenatore e sei giocatori, divisi 3c3.

L’allenatore in possesso palla si muoverà avanti e dietro a suo piacimento, se avanzerà i giocatori verso cui è rivolto indietreggeranno perché è in situazione di palla scoperta, e contemporaneamente gli altri giocatori avanzeranno perché per loro l’allenatore è in situazione di palla coperta (Fig. c – d). Ovviamente queste esercitazioni possono anche essere svolte con l’ausilio di tutta la linea difensiva, così da allenare tutto il reparto.

Fig. c

Fig. d

Un esempio di esercitazione per le situazioni di palla scoperta , che implica l’utilizzo di più giocatori, prevede dell’utilizzo di tre centrocampisti a cui sarà diretto il rilancio del portiere. In  questa situazione una domanda viene spontanea: con la palla in aria siamo in  situazione di palla scoperta o coperta? Ovviamente palla coperta perché la palla non è in possesso di nessuno e quindi l’avversario non può crearci pericolo.

Sul rinvio del portiere e con palla in aria (palla coperta) la linea difensiva sale (Fig.1.2), appena la palla viene stoppata dal centrocampista la linea si arresta (Fig.1.3).

Fig. 1.2

Fig.1.3

Se il centrocampista centrale  passa al numero 7 la difesa sale ,perché è in situazione di palla coperta,fino allo stop del giocatore, se passa al numero 11 arretra perché lui è in situazione di palla scoperta Fig. 1.4 – 1.5. .

Fig. 1.4

Fig.1.5

La stessa esercitazione può essere successivamente eseguita con l’inserimento di un altro centrocampista un po’ più arretrato in situazione di palla coperta. Fig. 1.6

Fig. 1.6

Al rilancio del portiere al linea sale perché la palla è in aria, allo stop si arresta; se passa a 11 o a 7 la linea difensiva si arresta e si dispone su tre linee; se passa a 8 la linea sale fin ch lui non ferma il pallone Fig. 1.7 – 1.8 . Ovviamente la disposizione della linea difensiva su attacco laterale è a discrezione del mister, secondo su istruzioni la linea si disporrà a due o tre linee.

Fig. 1.7

Fig. 1.8

Fig. 1.9

Autore: Angelo Iervolino

Allenatore UEFA B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *