Tag Archive: controllo orientato

  1. Proposta di riscaldamento tecnico

    Leave a Comment

    Due proposte progressive di “messa in moto” pre-seduta, adatto a categorie di fascia medio alta.

    Obiettivo tecnico: precisione del passaggio (anche di prima), controllo orientato.
    Obiettivo tattico: smarcamento, attacco degli spazi.

    1. Il giocatore al centro del campo allarga sullo smarcamento del compagno; il giocatore offensivo si smarca oltre le sagome con un contro movimento, riceve ed esegue una triangolazione conil compagno da cui ha ricevuto.
      Alla chiusura del triangolo gioca in verticale sul quarto giocatore posto a centrocampo per ripartire.
      Ogni giocatore va dove passa il pallone.

    2) Il giocatore A1 al centro del campo allarga sullo smarcamento lungo-corto del compagno B1; A1 esegue uno sprint e riceve il passaggio di scarico di B1.
    A1 verticalizza su C1 e si allarga al posto di B1 che riceve da C1 e con questo chiude il triangolo col successivo passaggio; C1 verticalizza su D che riparte.
    A1 va al posto di B1, B1 al posto di C1, C1 al posto di A1: si gira in senso orario.

    Dopo un certo grado di assimilazione dell’esercizio, aggiungere un secondo pallone.

     

     

     

  2. Riscaldamento tecnico: progressione a terne di giocatori

    Leave a Comment

    Tre proposte in progressione di riscaldamento tecnico a terne di giocatori; l’obiettivo, oltre a quello di preparare la squadra alla seduta con una messa in moto adeguata, è quello di esercitare la trasmissione, la ricezione e il controllo orientato con variazione di corsa in spazi brevi.

    I tempi consigliati per l’esercizio sono di 1’/1’15”con cambio delle posizioni e ripresa immediata (quindi 3 blocchi per tipologia di esercizio).

    (Con intensità di esecuzione più elevata e/o tempi diversi è possibile lavorare su finalità metaboliche alternative).

    Esercizio 1

    Dopo un contro movimento eseguito sulla sagoma, il giocatore C scambia con A che successivamente trasmette lungo per B che ha dettato linea di passaggio. Dopo il passaggio di ritorno ad A, B si propone nell’altro lato dopo il successivo nuovo scambio corto tra i compagni A e C. Trasmissione di prima o al massimo a due tocchi.

     

    Esercizio 2

    Lavora il giocatore B che va a dettare il passaggio in profondità attraverso un “vai e torna” continuo eseguito passando sempre oltre la sagoma.

    A e C hanno il compito di ricevere successivamente e servire il compagno sul piede smarcato. B esegue il passaggio di ritorno di prima intenzione.

     

    Esercizio 3

    Sui “vai e torna” frontali e continui di B e C, il giocatore A trasmette, riceve e, con un controllo orientato, ritrasmette ai compagni che eseguono passaggio di ritorno.

  3. Circuito tecnico coordinativo

    Leave a Comment

    Il giocatore A inizia in conduzione ed effettua uno slalom tra i coni, B parte contemporaneamente con una corsa tra i cerchi, adeguandola alla loro distanza (differenziazione della corsa).

    A giunge in A1 e trasmette palla a B1 (1), che con un controllo orientato si porta in B2 e scarica su C (2) che si è portato in C1 dopo aver effettuato una corsa alla scaletta (o skip).

    Anche C1 con un cotrollo orientato si gira, conduce palla ed effettua uno slalom tra i coni per scaricare (3) su D1 che si è smarcato dal paletto. D1 controlla, effettua uno slalom tra i conetti e scarica su E (4) .

    Tutti seguono il passaggio, A1 si porta in coda ad F in A2, B2 si porta al posto di C in B3, C si porta in C3 al posto di D e lo stesso si porta in D43 in coda ad E.
    E ricomincia con F.

    1

    Variante:

    aggiungere una postazione, in questo caso E.

    2

     

    Materiale occorrente: palloni, conetti, scaletta, paletti, e cerchi.

    Durata esercizio: 15 minuti
    Numero di serie: 1
    Recupero: 4 minuti
    Numero recuperi: 1
    Numero giocatori: 18
    Fasce interessate: Pulcini, Esordienti, Giovanissimi, Allievi.

    A cura di Nicola Amandonico

    ss-logo

     

  4. Tecnica di base e applicata: tre esercizi

    1 Comment

    Tre esercizi che toccano elementi di tecnica di base (conduzione, trasmissione, controllo (orientato), tiro in porta e applicata (smarcamento/inserimento senza palla).

    1) Il giocatore A inizia in conduzione, trasmette al compagno B (1) che si sposta o a destra o a sinistra delle due sagome e con un controllo orientato e conclusione) conclude in porta (2).

    A prende il posto di B e lo stesso va in coda al posto di A.

    Materiale occorrente: palloni, sagome.

    Durata esercizio: 10 minuti

    Numero di serie: 1

    Recupero: 3 minuti

    Numero recuperi: 1

    Numero giocatori: 18

    Fasce interessate: Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Prima squadra.

    TECNICA E CONCLUSIONE

    2) A parte in conduzione, scarica su B (1) che si sposta o a destra o a sinistra (quindi A va a proporsi nel lato opposto) delle due sagome e con ulteriori due tocchi (controllo e passaggio) scarica su A1 (2) che conclude in porta.

    A prende il posto di B e lo stesso va in coda al posto di A.

    Materiale occorrente: palloni, sagome.

    Durata esercizio: 10 minuti

    Numero di serie: 1

    Recupero: 3 minuti

    Numero recuperi: 1

    Numero giocatori: 18

    Fasce interessate: Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Prima squadra.

    TECNICA E CONCLUSIONE1

    3) Il giocatore A parte in conduzione, trasmette a B (1) che si sposta o a destra o a sinistra (quindi A va a proporsi nel lato opposto) delle due sagome e con ulteriori due tocchi (controllo e passaggio) scarica su A1 (2) che conclude in porta.

    B1 a seconda del lato dove si è spostato va ad effettuare un esercizio coordinativo. In questo caso va ad effettuare una corsa (o degli skip) alla scaletta un cambio di direzione tra i due paletti e poi va in coda a C.

    A prende il posto di B.

    Se B si fosse spostato alla sua destra, dopo lo scarico su A1 avrebbe effettuato come esercizio coordinativo una corsa tra i cerchi (o skip), e poi avrebbe raggiunto in coda C.

    Materiale occorrente: palloni, sagome.

    Durata esercizio: 10 minuti

    Numero di serie: 1

    Recupero: 3 minuti

    Numero recuperi: 1

    Numero giocatori: 18

    Fasce interessate: Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Prima squadra.

    TECNICA E CONCLUSIONE2

    A cura di Nicola Amandonico

    ss-logo

     

     

  5. Tecnica condizionale e tattica

    1 Comment

    Il giocatore A parte in conduzione palla, ed effettua uno slalom tra i due paletti, poi giunge in A1 e serve il compagno B (1) che si è portato in B1 dopo essersi smarcato dalla sagoma. B1 riceve, controlla si porta in B2 e scarica (2) su C che si è portato in C1 dopo una corsa tra i cerchi (adattandola alla distanza, differenziazione) e un cambio di direzione.

    C1 riceve, controlla, ed effettua una conduzione in slalom tra i due paletti, portandosi in C2, nel contempo B2 si è smarcato (tra le linee) in B3, e riceve (3) da C2, controlla, e si porta in conduzione in B4 smarcandosi dalla sagoma, trasmette ad A2 che ha effettuato uno sprint sino al paletto, un cambio di direzione, una corsa tra gli over (o salti) adattandola alla distanza, A2 riceve, controlla e in slalom conduce tra i due paletti. Superatoli effettua un cross per B5 e C3.

    Effettuare l’esercitazione da entrambi i lati, quindi due serie.

    B si porta al posto di C, C al posto di A e A al posto di B.

    N. B. insistere sui controlli orientati, e sull’appoggio della gamba esterna al cambio di direzione.

    TECNICA CONDIZIONALE E TATTICA

    Materiale occorrente: palloni, over bassi, delimitatori, paletti, sagome e cerchi.

    Durata esercizio: 15 minuti

    Numero di serie: 2 (cambiando lato)

    Recupero: 4 minuti

    Numero recuperi: 3

    Numero giocatori: 18

    Fasce interessate: Giovanissimi, Allievi e Prima squadra.

    A cura di Nicola Amandonico

    ss-logo

     

Mistermanager.it © 2021 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Realizzazione siti internet www.christophermiani.it

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei