Tag Archive: uefa

  1. Portogallo, campione d’Europa: sorpresa?

    1 Comment

    Sono passate poco più di 24 ore dalla vittoria del Portogallo al campionato europeo di Francia, ma veramente la vittoria del Portogallo è da definirsi una sorpresa?

    Molti di noi avranno sicuramente ancora negli occhi le immagini di Cristiano Ronaldo alzare la coppa all’interno dello stadio Saint Denis di Parigi dopo un’estenuante partita che ha visto i lusitani superare i galletti di Didier Deschamps con un gol di Eder (quello portoghese, non il nostro…) nel secondo tempo supplementare. Una vittoria, quella dei portoghesi, che a molti è sembrata una sfida alla “Davide contro Golia”, con il gigante transalpino che aspettava solo di ricevere una coppa tra le mani che doveva solo essergli consegnata.

    Eppure a guardare bene, con un occhio magari più oggettivo e più freddo rispetto a quello del prepartita, i portoghesi non erano poi quella squadra che doveva “accompagnare” i francesi alla vittoria.

    Partiamo dal primo dato: i lusitani non perdono. Sembra una cosa scontata, eppure quella di Cristiano Ronaldo è una formazione che non perde praticamente mai; in questo europeo, in cui verranno ricordati per più pareggi che vittorie, passa in secondo piano, per sbaglio, che il Portogallo è una formazione che non ha mai perso. Proviamo a tornare un passo indietro: il Portogallo nel girone è passato con 3 pareggi, alcuni addirittura sorprendenti come il 3-3 contro l’Ungheria, arrivando alle fasi finali come 15esima squadra qualificata (o meglio penultima delle terze). Questo risultato rende ancora più impressionante il percorso dei lusitani che hanno dimostrato con l’aumentare della pressione di saper gestire le situazioni più complesse non solo come singolo giocatore, ma anche come squadra.

    Proprio CR7 ha permesso di dimostrare, suo malgrado, che il Portogallo era prima di tutto una squadra più che un singolo con 10 giocatori intorno. L’infortunio rimediato dal contrasto di Payet con la gamba di richiamo ha messo fuori gioco il fenomeno portoghese “costringendo” i lusitani a dimostrare una volta per tutte di potercela fare, permettendo, tra l’altro, a Cristiano Ronaldo di dimostrare la propria leadership non solo dentro, ma anche fuori dal campo; dall’inizio del supplementare CR7 si è piazzato in panchina incitando e spronando i propri compagni a dare il meglio di loro così da portare a casa la vittoria.

    Una vittoria, quella rossoverde, che è quindi da considerarsi non quella del singolo con 10 accompagnatori, ma quella di un vero e proprio trascinatore, del gladiatore, che guida i propri compagni in difficoltà per conquistare il campionato europeo: una vittoria non di CR7, non di Joao Mario, non del “trivela” Quaresma, ma una vittoria di una squadra e di una nazione intera guidata dal suo eroe: un eroe che, finalmente, è riuscito a raggiungere l’olimpo.

    A cura di Paolo Riva, collabora come scout in Serie D per società di primo livello come Piacenza Calcio, partecipa come contributore per diverse testate sportive online quali footballscouting.it e mistermanager.it. E’ inoltre Co-Founder di Sports Open Data, organizzazione no-profit per la raccolta e l’elaborazione di statistic

  2. Come effettuare il monitoraggio di un campionato

    Leave a Comment

    Molto spesso si pensa che l’attività dello scout sia solo sui campi, in realtà molto oggi nasce con la ricerca e la raccolta dei dati.

    Una di queste attività è sicuramente il “monitoraggio”; in realtà questa attività non ha un nome univoco: qualcuno potrebbe chiamarla come “monitoraggio”, altri potrebbero definirla “scrematura” altri ancora possono definirlo “scrub” oppure solo e semplicemente ricerca. Personalmente credo che i nomi che maggiormente la contraddistinguono siano proprio monitoraggio e scrematura (con differenti nomi a seconda delle differenti attività che si svolgono).

    Come nasce un monitoraggio? Un monitoraggio nasce fondamentalmente da una richiesta, da una necessità, da una domanda che necessità una risposta che si può ottenere solo raccogliendo, ed elaborando, informazioni. Una domanda che potrebbe necessitare un monitoraggio potrebbe essere la seguente:

    “Vorrei conoscere quali siano i giocatori eleggibili per la nazionale del Guyana che abbiano più di 18 anni; questi giocatori devono militare in un campionato europeo e possono appartenere sia alla categoria pro che semi-pro oltre che amatoriali”.

    Da questa necessità può nascere quindi un attività di monitoraggio: provando a scomporre la richiesta in piccole parti si riesce a comprendere come impostare un monitoraggio fatto in maniera professionale.

    Scomponendo la richiesta indicata sopra otteniamo quanto segue:

    • Eleggibili per la nazionale del Guyana: saranno giocatori di nazionalità guyanense (prima o seconda)
    • Più di 18 anni: cerchiamo solo nelle prime squadre
    • militare in un campionato europeo: ricerchiamo nei campionati della UEFA
    • possono appartenere sia ai pro che semi-pro che amatoriali: andiamo a scansionare tutti i campionati disponibili

    Questo tipo di richiesta, come potete immaginare, è molto generica: il suo essere generico la rende da un lato “impossibile” da soddisfare (sono almeno 50 le nazioni UEFA, moltiplicate da un 3 alle 6 leghe monitorabili per stato), quindi un modo per renderla soddisfabile potrebbe essere renderla maggiormente più specifica.

    Un esempio potrebbe essere: è necessario monitorare tutti i campionati europei? Probabilmente un giocatore guyanense (che parlerà probabilmente inglese od olandese) giocherà in un campionato dove si parlerà quella lingua: escludendo la possibilità di trovare un giocatore guyanense nelle leghe maggiori, considerando le leghe minori probabilmente un giocatore sarà arrivato nella città in cui gioco per altre ragioni (lavoro extra-calcistico) trovando poi nel calcio una seconda possibilità di introito.

    Abbassando il livello della richiesta è poi possibile riuscire a concludere il nostro monitoraggio e provare, a questo punto, a filtrare una lista di giocatori a nostra disposizione.

    A cura di Paolo Riva, collabora come scout in Serie D per società di primo livello come Piacenza Calcio, partecipa come contributore per diverse testate sportive online quali footballscouting.it e mistermanager.it. E’ inoltre Co-Founder di Sports Open Data, organizzazione no-profit per la raccolta e l’elaborazione di statistiche sportive.

Mistermanager.it © 2021 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Realizzazione siti internet www.christophermiani.it

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei