Tag Archive: runner

  1. 6 idee regalo per Runner e Podisti

    Leave a Comment

    (Aggiornato al 09/02/2024)

    I regali di Natale sono il solito dilemma?  Non sai cosa regalare per il compleanno (o una ricorrenza speciale) ad un appassionato di corsa?  Questo post ti toglierà tanti dubbi! 6 idee regalo per tutti i gusti e per tutte le tasche.  Troveranno utile questo post anche chi è alla ricerca di accessori ed abbigliamento per la corsa. Consigliamo a tutti di salvarlo in “Preferiti” in quanto aggiorniamo almeno una volta all’anno il post, per garantire sempre quelle che riteniamo le migliori soluzioni. Buona lettura!

    idee regalo per runners

    ACCESSORI PER IL RUNNING

    Per chi adora ascoltare la musica mentre corre, ormai la tecnologia mette a disposizione accessori che minimizzano l’ingombro; nel nostro post dedicato al Fartlek-mp3 potete trovare le migliori soluzioni per fasce da braccio portacellulare, cuffie bluetooth e cuffie con mp3 integrato.

    La continua attenzione alla riduzione degli sprechi, non può evitare di passare per l’utilizzo di borracce che evitano di comprare continuamente bottiglie d’acqua; questa tipologia di prodotti negli ultimi anni ha fatto un grande passo avanti, migliorandone la qualità grazie all’utilizzo di materiali in grado di dare un maggior isolamento termico e che consentono di essere utilizzate e trasportate con più facilità.

    Non solo, una più accurata conoscenza dei materiali, della loro manutenzione e dell’impatto ambientale, permette oggi di scegliere prodotti che vadano incontro a criteri di sostenibilità e sicurezza (in particolar modo in relazione agli interferenti endocrini). Potete approfondire questi argomenti leggendo il nostro articolo sulle borracce per runner.

    Visto che gli sportivi (che di acqua ne hanno molto bisogno) sono molto attenti a questi aspetti, questi prodotti rappresentano un’ottima idea regalo.

    Un altro accessorio molto utilizzato (e legato al precedente) è la cintura elastica; questa solitamente è indossata nei trail e negli allenamenti lunghi per portarsi dietro tutto il necessario; chiavi, cellulare, borraccia ed eventualmente bastoncini. Il fatto di distribuire il peso in vita (rispetto al tenerlo in mano, o al braccio) diminuisce l’impatto negativo che può avere sulla performance (Myers et al 1985) oltre a migliorarne la comodità.

    Tra le varie tipologie presenti in commercio, è fondamentale che tali prodotti abbiano forma tubolare, cioè indossabili senza la necessità di fibbie, che abbiano una struttura elastica per adattarsi al corpo e che siano costituiti di materiali in grado di resistere ai frequenti lavaggi. Per questo motivo è fondamentale orientarsi verso prodotti di qualità, come la Salomon Pulse belt. Questa è fatta in elastane e poliammide; il primo materiale conferisce elasticità alla struttura della cintura, minimizzando la percezione di averla addosso; il poliammide invece (piuttosto che il poliestere) conferisce resistenza e durabilità al prodotto, anche dopo tanti lavaggi.

    La Salomon Pulse belt è dotata di 2 tasche orizzontali, una anteriore e una posteriore; la seconda si dilata maggiormente e può portare anche una borraccia collassabile fino a 500ml, come la Salomon Flask 500. Sempre nella parte posteriore, si trovano anche 2 cinghie diagonali per poter sistemare i bastoncini pieghevoli.

    È quindi un prodotto fondamentale per chi partecipa ai trail o durante allenamenti lunghi, quando c’è la necessità di portarsi dietro l’acqua. È importante comunque considerare che questi accessori non sono completamente impermeabili, quindi se si decide di portare con se un cellulare, è bene prima riporlo in un sacchetto di plastica con chiusura ermetica. Per chi invece preferisce lo zaino da running, consiglio il Montane Gecko VP Plus o il Salomon Adv Skin 5 (da donna).

    Per correre in zone completamente buie (cioè senza illuminazione), è necessario dotarsi di lampada frontale, in grado di avere un fascio di luce in grado rendere perfettamente visibile il proprio percorso.

    lampada frontale running buio trailQuesto tipo di accessori sono diventati ormai utilissimi, visto che sempre più gare (sia Trail che corse si strada) si svolgono in notturna; di lampade frontali, ne esistono di tutti i prezzi, ma quella che garantisce il miglior rapporto qualità/prezzo è sicuramente la Torcia Frontale della LE (2 articoli per confezione); oltre ad un costo ridotto, l’intensità del fascio luminoso è regolabile (inclinazione, intensità e colore), si carica con il cavetto USB ed è impermeabile. Se invece si vuole optare per il migliore prodotto sul mercato, è necessario orientarsi verso i prodotti della Petzl. Tra queste, la Petzl SWIFT RL è sicuramente quella di maggiore qualità in quanto ha una luminosità 5-6 volte superiore della precedente, ha un indicatore di ricarica (per capire lo stato della batteria) ed è in grado di adattare l’intensità della luce in base alla luminosità circostante (oltre ad avere 3 regolazioni fisse); questa è maggiormente indicata per chi corre in ambiente naturale (boschi, montagna) per avere la garanzia di una visuale particolarmente ampia. È attualmente quella che ha la votazione migliore su Amazon.

    Per tutti quei runner che anche nei mesi più freddi non vogliono rinunciare alla libertà di correre con i pantaloni corti, consigliamo i Pantaloncini da corsa 2 in 1; questi sono dotati di doppio strato, il più interno dei quali funge da scaldamuscolo. È preferibile che siano in materiale sintetico, strutturato per garantire traspirabilità e un’asciugatura rapida, oltre ad essere di tessuto adattabile alle forme ed ai movimenti del runner; orientandosi per un regalo, è sempre bene scegliere marche di qualità, per evitare brutte sorprese.

    Per chi è alla ricerca di pantaloncini che coprano tutta la coscia (soprattutto quando è freddo) i Dri-FIT Stride 7 della Nike sono il giusto compromesso tra traspirazione e vestibilità; hanno 4 tasche ed almeno il 75% delle fibre poliestere è riciclato. È da precisare che non sono comunque pantaloni compressivi.

    Al femminile consigliamo invece i Dri-FIT Swift Mid-Rise 3 (sempre della Nike), corti ed a vita alta. Anche questi pantaloncini sono dotati di più tasche.

    Non esistono condizioni ambientali sfavorevoli, ma solo corridori arrendevoli”; lo diceva Bill Bowerman, tecnico di atletica e co-fondatore della Nike. Per chi si allena con questo spirito, sarà capitato più volte di correre in condizioni meteo anche parecchio avverse; chi soffre particolarmente il freddo alle mani, può trovarsi in difficoltà in questi contesti…lo dico per esperienza personale. Infatti, quando piove e le temperature sono a ridosso dello zero, guanti troppo “pesanti” possono inzupparsi di acqua fredda, peggiorando ancor di più la situazione; di contro, guanti troppo leggeri non consentono un adeguato isolamento termico.

    Allora qual è la migliore soluzione?

    Iniziamo con alcune considerazioni di base: l’isolamento termico è dato prevalentemente dalle caratteristiche (in particolar modo densità ed impermeabilità) di ogni strato del guanto; è quindi ovvio che più strati possano avere un maggior effetto nel mantenere la temperatura, in particolar modo se quelli esterni sono maggiormente “impermeabili”, mentre quelli interni consentono una maggior “traspirabilità”.

    guanti correre al freddoMa quando il guanto è fatto di più strati, subentra lo slittamento della fodera, che in alcuni casi può creare difficoltà, soprattutto se si devono utilizzare oggetti come il cellulare, l’orologio, la torcia frontale, ecc…soprattutto in gara. I guanti Stretchfit della Dexshell hanno sfruttano una tecnologia innovativa da loro progettata nel 2018 (dexfuze) che unisce tramite una laminazione a micropuntini i 3 strati del tessuto (impermeabili e traspiranti) migliorando così in modo significativo il controllo della mano e la presa. In sostanza questi guanti aiutano a mantenere le mani asciutte ed al caldo senza le problematiche dei guanti impermeabili convenzionali; a mio parere sono l’ideale in gara (soprattutto) nei trail invernali, quando è necessaria sensibilità nelle mani nel gestire i bastoncini, la borraccia, i gel, gli indumenti, lo smartphone, ecc.

    In più, il 36% del materiale interno è formato da lana merino, un vero e proprio “termoregolatore naturale” in grado di mantenere le mani più calde quando fa freddo (anche se sono bagnate) e più fresche quando fa caldo.

    Prima di passare al successivo accessorio, mi preme comunque fare una doverosa precisazione, in particolar modo per chi soffre il freddo alle mani: la giusta strategia per ovviare a questi tipo di problema, non dipende solamente dai guanti che si indossano. Facciamo un esempio: anche usando guanti impermeabili, le mani si possono comunque bagnare se si utilizzano dei k-way smanicati piuttosto che interi; questo perché l’acqua tenderebbe a scivolare dalle braccia verso mani a causa della forza centrifuga del movimento degli arti superiori. In giornate fredde e piovose è quindi importante anche l’utilizzo di k-way interi (che possibilmente garantiscano una giusta traspirazione) dotati del giusto livello di lunghezza ed aderenza a livello ai polsi. In questi casi è anche preferibile indossare strati di abbigliamento termici per risentire il meno possibile dell’umidità; questo vale per quei runner che soffrono particolarmente il freddo alle mani.

    Tra questi capi, se si vuole optare per una marca di assoluta qualità, consigliamo quelli dell’Under Armour; il prodotto più venduto di questa marca è la termica a maniche lunghe. Questi modelli hanno anche la caratteristica di essere particolarmente consoni alla taglia indicata. In questo modo si avrà una maggior certezza della vestibilità del regalo. Per un regalo al femminile, un’ottima idea è la Qualifier funnel neck top (con scaldacollo aderente); con queste caratteristiche c’è anche la felpa da running da uomo.

    Un altro accessorio che sta diventando sempre più utilizzato da chi pratica sport outdoor sono i bastonicini da Trekking: questi non vengono usati solamente per le escursioni in montagna, ma anche durante i Trail, i Vertical e per chi fa Speed Hiking; potete vedere cos’è lo Speed Hiking e trovare i migliori bastoncini in commercio nel nostro articolo dedicato al Cross training.

    Concludiamo con 2 tipologie di prodotti di estrema utilità per il runner, ma che sono estremamente specifici; per questo motivo, prima di regalarli, è bene essere certi che siano personalizzati in base alle esigenze del runner. La prima tipologia di prodotto sono le calze biomeccaniche (una volta esistevano solo le compressive); rappresentano l’innovazione tecnica più recente per quanto riguarda la prevenzione infortuni e la performace. Per approfondire puoi leggere il nostro post dedicato proprio alle calze biomeccaniche per il runner.

    Per i runner che invece effettuano competizioni di una certa durata, l’integrazione in gara riveste un ruolo fondamentale. Ma non tutte le marche di integratori sono uguali; nel nostro post dedicato all’argomento, potete verificare come valutare una marca di integratori e quale sia attualmente la migliore in assoluto.

    Regali al femminile (e non solo)

    La linea Pilogen-Carezza è una garanzia di prodotti di altissima qualità; nasce nel 1898 ad opera di Vittorio Pignacca che scopre le proprietà di alcune sostanze ad azione rinforzante per capelli nei pressi delle zone termali di Salsomaggiore.

    pilogen carezza regali per sportiviOggi la linea produttiva copre diverse esigenze per la cosmesi, per il benessere della pelle e la cura della persona, comprendendo anche una linea per sportivi. Prima di vedere le migliori opzioni regalo per runner, ci tengo a far notare la soddisfazione espressa dai clienti su trustpilot (giudizio “Eccellente”).

    Tra i prodotti specifici per sportivi troviamo creme massaggianti/riscaldanti, rinfrescanti post-gara e gel doccia esfoliante. Per la cura della persona al femminile poi l’offerta è vastissima, offrendo ottimi prodotti a prezzi più che concorrenziali.

    Ovviamente si trovano anche prodotti specifici per uomo come dopobarba lenitivi; altri articoli estremamente apprezzati sono quelli della linea Supersapone Tabiano ad azione purificante e sebonormalizzante della pelle (utili in caso di acne, punti neri, pelle grassa, ecc.).

    Ovviamente esiste anche la linea dedicata alle “idee regalo”; in ogni modo, in caso di dubbi consiglio vivamente di scrivere al servizio clienti per ricevere i consigli più giusti per un regalo di qualità.

    ARTICOLI DA REGALO PERSONALIZZATI e NON

    Come già visto nel post dedicato ai regali per gli allenatori di calcio, abbigliamento ed accessori personalizzati sono un’ottima opzione quando si vogliono fare regali multipli, come all’interno delle società sportive. La personalizzazione inoltre, permette di fare qualcosa di unico che l’atleta si porterà dietro per tutta la vita.

    Il primo articolo consigliato, che permette di fare una vera e propria sorpresa, sono le tazze della Mycuston Style; su queste, nere quando sono a temperatura ambiente, compare l’immagine della personalizzazione desiderata quando si versa la bevanda calda. È sufficiente contattare il venditore nelle modalità specificate sulla pagina Amazon poter mandare la personalizzazione voluta. Un regalo che sicuramente lascerà a bocca aperta!

    Tra le personalizzazioni più interessanti troviamo anche i cuscini; oggi è possibile inserire l’immagine velocemente grazie al box in alto a destra nella pagina del prodotto. Attualmente i migliori sono quelli della Teetaly, in quanto permettono la stampa fronte/retro con l’utilizzo di inchiostri atossici certificati Oeko-Tex.

    Se invece si ha l’intenzione di fare regali multipli, come può essere per i runner della propria società, gli scaldacollo personalizzati sono, tra le soluzioni più gradite, quella più economica; infatti, far scrivere i nomi di ogni atleta non porta costi eccessivi. È consigliabile effettuare tutta l’operazione (acquisto scaldacollo + serigrafia) presso un rivenditore di fiducia od il proprio fornitore societario, proprio per aver la certezza che tutto il processo (scelta scaldacollo adeguato, caratteri stampa, ecc.) venga seguito con la massima attenzione.

    Se invece si vuole optare per uno scaldacollo come regalo individuale, è sicuramente un’ottima opzione; questi prodotti sono estremamente versatili in quanto possono fungere da protezione per il collo, fascia copriorecchie, cuffia e bandana. Inoltre, possono essere indossati al polso quando non si ha la necessità di utilizzarli. È ovvio, che per chi fa sport debbano avere particolari caratteristiche di leggerezza e traspirabilità. Essendo poi, accessori dalla fattura piuttosto semplice, anche gli articoli di maggiore qualità non hanno dei costi particolarmente elevati. Ma qual è la migliore marca?

    Sicuramente gli scaldacollo della Buff rappresentano il top attualmente in circolazione, in particolar modo perché questa ditta Spagnola orienta la propria ricerca/produzione principalmente su questi capi specifici. Questo brand è nato negli anni ’90 da un’idea di Joan Rojas, per soddisfare l’esigenza di trovare un capo multifunzione per proteggere collo e testa dagli agenti atmosferici; tra i tantissimi articoli a disposizione, è possibile trovare soluzioni per diverse condizioni atmosferiche, con design veramente per tutti i gusti. Questo grazie alle diverse tecnologie in grado di andare incontro alle esigenze degli sportivi (Coolnet®, DryFlx®, Thermonet®, Poligiene®, Gore®, ecc.).

    Guardate attentamente il video sotto, perché vengono spiegate le molteplici funzionalità di questi prodotti.

    Ma a parte la qualità dei prodotti, quello che cattura l’attenzione di chi è particolarmente attento all’impatto ambientale è la sostenibilità dell’intero processo produttivo; infatti, alcune fibre della Buff sono realizzate con bottiglie riciclate di plastica trasparente. Alcuni prodotti sono al 95% formati da questa fibra; anche la lana merino, utilizzata nei capi di maggior pregio, proviene da processi ecosostenibili al 100%.

    Non solo, da poco Buff ha ricevuto la certificazione B Corp, un importante riconoscimento per le aziende che si impegnano a creare un impatto positivo sulla società e sull’ambiente; tutto questo senza la minima perdita della qualità dei prodotti. Ciò è possibile grazie alla grandissima esperienza ed al livello di specializzazione di questa azienda.

    Ma quali sono i capi più adatti ai runner?

    Personalmente sono 2 i modelli che preferisco; il primo è lo scaldacollo in lana merino (disponibile in diversi colori). Rispetto a quella normale, la lana merino  presenta fibre sottili ed elastiche che la rendono più morbida e confortevole. Inoltre, favorisce una maggiore traspirazione; non solo, la presenza di lanolina fornisce anche proprietà antibatteriche ed antifungine, prevenendo la proliferazione di batteri e funghi, che possono causare cattivi odori e irritazioni cutanee. Per questo tipo di capi, l’unica accortezza è quella di seguire attentamente le linee guida per il lavaggio.

    Se invece si vuole optare per una versione ancor più ecosostenibile, consigliamo la linea ecostretch (anche questa in tantissimi colori); in questi prodotti, la poliammide utilizzata (il 95% del tessuto) deriva da bottiglie riciclate. Il restante 5% è elastane per donare elasticità allo scaldacollo.

    ZAINI e BORSE

    Ogni società podistica ha incluso nel proprio corredo una borsa, ma in diverse condizioni (come per gli allenamenti) è più utile avere dietro uno zaino. È importante che questo sia capiente e comodo, al fine di potersi portare dietro tutto il necessario per la corsa; il prodotto più venduto in assoluto, perché è rappresentato dal rapporto ottimale qualità/prezzo, è il Borealis della Noth Face. Tra le caratteristiche principali troviamo la capienza di 29 litri e il sistema di sospensione FlexVent™, che offre un ottimo supporto e comfort, anche quando è pieno. Non solo, lo schienale è rinforzato ed il pannello lombare è traspirante, per aiutare a mantenere la schiena fresca e asciutta.

    Per chi invece è appassionato di oggettistica vintage, lo zaino Bookbag Satchel (disponibile in diversi colori) rappresenta la novità (di qualità) più legata agli stili meno moderni.

    Chiudiamo questa carrellata con la borsa sportiva scelta da Amazon, cioè l’Undeniable dell’Under Armour, con il vano separato per le scarpe.

    LIBRI

    Rappresentano senz’ombra di dubbio gli articoli da regalo ideali per chi vuole diventare un runner migliore; nel nostro post dedicato ai libri per i runner è possibile trovare testi e contenuti per migliorare il proprio allenamento, per la crescita personale ed ispirazionali.

    ABBIGLIAMENTO RUNNING

    L’abbigliamento tecnico rimane il regalo più classico per un runner; inoltre, nei “negozi on-line” è possibile trovare prodotti scontati tutto l’anno, anche in questo periodo. Se si decide di appoggiarsi ad un e-commerce (oltre alla varietà degli articoli) è da valutare con attenzione il sito a cui rifornirsi. Infatti, le problematiche più comuni oggigiorno (visto che la mole di prodotti spedite tramite corrieri è elevatissima) sono riferite alla qualità del trasporto e la fruibilità della piattaforma online per ordinare il prodotto (assistenza per i resi, i rimborsi, ecc.).

    Le recensioni dei clienti, rappresentano sicuramente la fonte di informazioni più importante; ad esempio se si ordina su Amazon, è sufficiente leggere i giudizi dei clienti per avere un’idea del prodotto e della qualità dell’e-commerce. Anche Trustpilot (o altri siti come ThrustedShop) permettono di farsi un’idea dell’affidabilità del negozio online; di conseguenza, è fondamentale informarsi bene (leggendo le recensioni) delle possibili problematiche (soprattutto sulle tempistiche di consegna) prima di effettuare un acquisto on-line!

    Una volta stabiliti quelli che sono i punti di riferimento per comprendere la qualità di un servizio, riporto sotto quelli che sono a mio parere le soluzioni migliori.

    Sportsshoes

    Sportssoes è lo store online con la più ampia offerta di articoli per lo sport e per la corsa; non solo, garantendo un’offerta così ampia, presenta anche una maggiore scontistica rispetto agli altri e-commerce. In altre parole, si trova quasi di tutto ed a prezzi bassi; l’unico difetto è che avendo sede in UK, i tempi di spedizione si dilatano; di conseguenza se hai intenzione di acquistare un articolo da regalare, devi essere certo di acquistarlo con un certo anticipo.

    Fino a qualche anno fa, questo store aveva un discreto ranking su Trustpilot, ma nulla di più; In questi ultimi 24 mesi il giudizio dei consumatori è salito notevolmente, probabilmente grazie ad una maggiore attenzione alle spedizioni ed al servizio clienti. Di fatto, attualmente è uno dei migliori in termini di affidabilità ed uno dei primissimi per quanto riguarda i prezzi ed offerta. Inoltre, l’azienda si impegna a compensare le emissioni degli ordini di tutti i corrieri tramite forniture energetiche verdi, un utilizzo più efficiente delle risorse e l’investimento in programmi di compensazione agricole locali nello Yorkshire.

    Ovviamente esistono altri ottimi store online, ma consiglio di confrontarli sempre con Sportsshoes su Trustpilot per farsi un’idea della qualità dell’azienda.

    Quali brand come idea regalo?

    Ma andiamo ora ai singoli brand; ci tengo a precisare che anche ottime marche (come Nike o Under Armour) su Trustpilot presentano esperienze non ottimali per quanto riguarda il loro e-commerce. Per questo motivo, preferisco acquistare gli articoli di questi marchi sugli e-commerce sopra citati (Sportsshoes e Amazon). Personalmente, ritengo Under Armour il brand di alta qualità con la migliore offerta.

    Tra i marchi meno conosciuti consiglio vivamente Carl Torsberg; quest’ultimo è il mio preferito per il tempo libero da uomo, anche in virtù del rapporto qualità prezzo (acquisto spesso felpe da regalare ai miei collaboratori). Per tutto quello che riguarda l’ordine e la spedizione (vedi giudizio su Trusted Shops), è da considerare che essendo un’azienda con sede e produzione all’estero, i tempi di consegna potrebbero dilatarsi. Ricordo sempre che il vantaggio di acquistare direttamente dal sito dei brand, è che in diversi periodi dell’anno offrono scontistiche a chi si iscrive alle newsletter.

    Giacche invernali da running

    Per chi corre in qualsiasi condizioni meteo, le giacche invernali rappresentano il vestiario sicuramente più importante, in quanto devono garantire la pratica sportiva anche in condizioni di pioggia forte, eliminando il disagio legato alla temperatura e all’acqua. Per questo motivo rappresentano un’idea regalo estremamente utile. I requisiti essenziali che deve rispettare una giacca antipioggia da running sono:

    • Impermeabilità: non ci si riferisce solamente alla caratteristica del tessuto, ma anche alle cuciture e all’aderenza al collo, maniche e vita, affinché l’acqua e l’umidità entrino il meno possibile.
    • Traspirabilità: oggi esistono materiali in grado di garantire impermeabilità e traspirabilità. Questo è possibile in quanto le gocce d’acqua (della pioggia) hanno un diametro ben superiore rispetto a quello del sudore prodotto dal corpo; per questo motivo, particolari materiali possono essere traspiranti nei confronti dell’umidità prodotta dal corpo ed impermeabili alla pioggia. È da ricordare che a volte la traspirabilità è garantita anche da delle doppie cuciture aperte sistemate in maniera tale da lasciar scivolare l’acqua che cade, ed allo stesso tempo consentire un leggero ricambio d’aria.
    • Leggerezza: questo sia per non assorbire acqua (e di conseguenza appesantirsi), che per essere facile da trasportare, come nei momenti in cui non ne è richiesta la necessità (come nei trail lunghi, nei quali può essere necessario, in alcuni momenti, l’utilizzo di una giacca impermeabile).
    • Vestibilità: non è importante solamente per un fatto estetico, ma anche per non impedire i corretti movimenti delle braccia ed evitare “l’effetto bandiera” in condizioni di vento.

    Ma quali sono i migliori prodotti attualmente in commercio?

    È difficile orientarsi sui migliori prodotti, anche perché ogni anno i modelli tendono a cambiare; quello che invece rimane più costante nel tempo è la tecnologia. Le tecnologie Gore-tex sono sicuramente quelle più all’avanguardia per quanto riguarda la traspirabilità e la protezione delle intemperie (vento e pioggia). Questa tecnologia è utilizzata non solamente dalla Gore, ma anche da altri brand come Salomon, Ronhill ed altre.

    Per citare un capo singolo, recentemente ho acquistato la giacca OutRun the Storm dell’Under Armour; è un ottimo articolo perché è composto per il 5% da elastane, per questo si adegua meglio ai movimenti della corsa rispetto ai soliti k-way interamente in poliestere o nylon.

    Attenzione: prima di acquistare capi su internet, informarsi sempre sulle condizioni per la restituzione dei resi (nel caso in cui la taglia non sia corretta) e leggere i commenti di chi l’ha già acquistata (quando presenti) per farsi un’idea della vestibilità.

    IL DOLCE DEL RUNNER

    Il cioccolato è sicuramente il “dolce” ideale per chi fa sport; è buono, ha un profilo estremamente salutare, e se assunto nelle giuste dosi non fa ingrassare. Attenzione però, perché è il cacao ad essere l’ingrediente che dona al cioccolato queste caratteristiche; di conseguenza solo il cioccolato con un’elevata quantità di questo ingrediente è in grado di rispondere ai requisiti del dolce ideale per gli sportivi. Non solo, anche i metodi di lavorazione e la materia prima svolgono un ruolo cruciale nel conferire la qualità a questo prodotto. Altro aspetto importante, è che viene coltivato nelle zone più povere del mondo, quindi è bene assicurarsi che il prodotto acquistato risponda anche ai giusti criteri di sostenibilità ambientale e rispetto dei lavoratori. Nel nostro post dedicato al cacao, potete trovare tutti i requisiti e i benefici di questo eccellente alimento.

    Su quali prodotti orientarsi per fare un regalo?

    Accanto alla produzione su larga scala, esistono anche aziende artigiane che lavorano con grande passione, perfezionando continuamente tutti i passaggi della filiera (compreso il rapporto con i contadini che lavorano la materia prima) per un prodotto finale di qualità e gusto superiori. Tra queste citiamo l’azienda di Silvio Bessone, che produce cioccolato con un ottimo connubio tra sostenibilità e qualità. Infatti, le tavolette che vengono ordinate vengono fatte giornalmente (non sono tenute negli scaffali o nei magazzini).

    Altra azienda che produce un ottimo cioccolato è Domori, in particolare la linea Criollo; il Criollo rappresenta la varietà di Cacao più rara e pregiata in assoluto, visto che è una piccola percentuale del raccolto mondiale.

    Solitamente il cioccolato ad alta percentuale di cacao è associato ad un sapore molto amaro; mangiando il cioccolato fatto da queste imprese artigiane vi renderete conto come la giusta selezione e l’ottima lavorazione possano conferire un gusto particolarmente amabile a questi prodotti di altissima qualità.

    Non solo dolci

    Soprattutto nei mesi invernali, dopo gli allenamenti più freddi, una tisana calda contribuisce a consolidare i benefici psico-fisici della corsa. Le tisane possono avere diversi effetti (trenanti, purificanti, rilassanti, ecc.) a seconda degli ingredienti, ma spesso vengono consumate semplicemente perché aiutano a riconciliarsi con sé stessi, prendendosi quei pochi minuti per prepararle e gustarle…non solo dopo l’allenamento.

    Volendo fare un regalo, quelle della Vahdam rappresentano la soluzione ottimale in quanto sono di elevata qualità ed in confezione regalo.

    SAPONI NATURALI PER RUNNERS: UN REGALO ORIGINALE ED UTILE

    La corsa è uno sport fantastico, ma può essere anche molto impegnativo per la pelle. I runners infatti, sono spesso esposti a sudore, sporco e agenti atmosferici, che possono irritare la pelle e causare arrossamenti, prurito e secchezza.

    I saponi naturali (come il sapone di Marsiglia, quello di Aleppo o al latte) sono una valida alternativa ai detergenti tradizionali, in quanto sono più delicati, economici, duraturi e sostenibili. Ma quel che più conta, è che sono composti da ingredienti naturali, che non contengono sostanze chimiche aggressive; infatti, è più probabile trovare interferenti endocrini in un sapone commerciale, rispetto ad un sapone naturale.

    Solo per fare un esempio, il Metilcloroisotiazolinone (Methylchloroisothiazolinone) ed il Sodio Laureth Solfato (Sodium Laureth Sulfate) sono ingredienti abbastanza comuni nei bagnoschiuma classici, ma è stato dimostrato come possano essere considerati potenziali interferenti endocrini o comune sostanze potenzialmente nocive. Provate a prendere il bagnoschiuma che avete nella doccia e cercare su google tutti gli ingredienti per capire se sono tutti certamente innocui.

    L’Unione Europea sta facendo molto per eliminare tutte le sostanze dannose presenti negli alimenti e nei prodotti a contatto con la persona, ma il tutto si riferisce “al conosciuto”…ed è un processo continuamente “work in progress”.

    Per questo motivo, quando possibile, è meglio utilizzare saponi e shampoo con pochi ingredienti di origine naturale; in questo capitolo vedremo un’idea regalo organizzata proprio rispettando questi criteri (anche l’impacchettamento); vedrete che sarà più che apprezzata!

    Ma partiamo dalla sostanza; tra i prodotti migliori troviamo il sapone di Marsiglia, di Aleppo o quello di latte di capra o asina. Malgrado i saponi naturali siano più delicati e rispettino l’equilibrio della pelle, è bene considerare che il gradimento diventa spesso soggettivo. Per questo, in un regalo assortito è più facile trovare soluzioni che vadano incontro alle esigenze della pelle di ognuno. Vediamo ora le possibili soluzioni.

    Sapone di Marsiglia

    Il sapone di Marsiglia è un sapone tradizionale, prodotto con oli vegetali nella zona attorno a Marsiglia, in Francia, da circa 600 anni. La sua ricetta originale prevede l’utilizzo di olio extravergine di oliva, diluito in acqua e liscivia di cenere di salicornia (un composto di acqua calda e cenere).

    Nei prodotti odierni, la liscivia di cenere di salicornia è stata sostituita dall’idrossido di sodio; questa sostituzione ha reso i prodotti odierni più stabili, in quanto l’idrossido di sodio è proprio quella sostanza che garantisce la saponificazione degli acidi grassi presenti nell’olio d’oliva.

    Purtroppo questa non è l’unica diversità tra i prodotti odierni ed il sapone di Marsiglia originale; oggi, tra gli ingredienti troviamo l’olio di oliva (e non l’extravergine), altri olii (come quello di cocco o di palma), profumi ed altri additivi che peggiorano la sostenibilità e la naturalità del prodotto.

    Per questo motivo è importante leggere attentamente la tabella degli ingredienti (e le relative certificazioni) per essere certi che il sapone acquistato sia il più simile possibile a “quello di una volta”.

    Tra i migliori in circolazione citiamo il sapone La Corvette, con la certificazione Ecocert ed ingredienti naturali (senza olio di palma); disponibile anche il sacchetto di 10 saponi da 100g.

    Sapone di Aleppo

    Il sapone di Aleppo è una buona scelta per chi ha la pelle acneica o con problemi di forfora. Rispetto al quello di Marsiglia, è presente anche l’olio di alloro che ha qualità antibatteriche, antifungine ed antiossidanti grazie alla presenza di 1,8-cineolo, linalolo, terpineolo e  timolo. Questi principi attivi sono in grado di inibire la crescita di batteri, funghi e altri microrganismi.

    Tra i più apprezzati su amazon troviamo la versione originale di Carenesse (con olio d’oliva, olio d’alloro, idrossido di sodio e acqua) con il 55% di olio d’alloro e il 45% di olio di oliva.

    Per chi volesse la versione liquida, consigliamo il Sapone di Aleppo liquido della Carone. Questa consistenza è ottenuta grazie all’idrossido di potassio (che sostituisce l’idrossido di sodio); inoltre la versione “liquida” ha un ph più simile a quello della pelle.

    Per chi volesse invece le versioni biologiche, consigliamo quelli della Sarjilla (attualmente non presente su amazon) o del DrAncient (reperibile su amazon); quello del Dr Ancient contiene cenere di quercia (al posto dell’idrossido di sodio) per ottenere la saponificazione. Questo è sicuramente un ingrediente che alza il prezzo del prodotto, ma lo rende ancor più idratante e delicato sulla pelle; inoltre, riduce l’impatto ambientale della produzione.

    Altri saponi

    Altre soluzioni sono i saponi ottenuti dal latte; anche in questi casi è sempre consigliabile orientarsi verso prodotti prevalentemente naturali (con pochi ingredienti) e possibilmente biologici; questo permette di fare una scelta più sostenibile, economica ed orientata al benessere.

    Per le pelli secche, irritate e sensibili viene consigliato il sapone di latte di capra come quello del Dr.Ancient (biologico). Rimanendo sulla stessa marca, si può optare anche per il sapone di latte d’asina, più indicato per le pelli mature.

    Abbiamo scelto quelli del Dr.Ancient perché contengono cenere di quercia anzichè idrossido di sodio.

    saponi naturali sport

    Importanti precisazioni

    Non tutte le pelli sono uguali, quindi è possibile che non tutti i tipi di saponi siano graditi da tutti; questo è il motivo per cui è consigliabile un regalo assortito.

    Di norma, il sapone di Aleppo e quello di latte hanno un ph più vicino a quello della pelle rispetto a quello di Marsiglia.

    A chi ha la pelle sensibile si consiglia sempre di testare su una superficie di pelle limitata i nuovi saponi. Mentre per chi soffre di malattie della pelle è sempre bene farsi consigliare il sapone più adeguato dal proprio dermatologo.

    La saponificazione comporta comunque un innalzamento del ph del prodotto, di conseguenza sono soluzioni meno indicate per la detersione intima, per la quale sono consigliati articoli specifici.

    Malgrado queste precisazioni, i saponi che abbiamo visto sopra rappresentano una soluzione ideale in quanto sono più delicati, economici, duraturi, sostenibili e riducono il rischio di andare a contatto con interferenti endocrini.

    Ma come impacchettare il regalo?

    Avendo optato per una soluzione che rispetta la tradizione, sarebbe una bella idea confezionare il tutto in una scatola di legno (con della paglia in legno naturale); questa potrebbe poi essere utilizzata come contenitore da camera, portaoggetti, portautensili, ecc. Oggi, online, è possibile trovare ottime opzioni come le scatole della Creative Deco, anche con l’opzione di personalizzazione. Quello che è importante, è capire per quale dimensione optare; per questo è sempre meglio scegliere prima i regali e poi la scatola.

    Concludo con una banale osservazione; probabilmente un regalo del genere richiede tempo per essere organizzato, ma sarà sicuramente apprezzato, perché denota cura ed attenzione verso la persona che lo riceve.

    IDEE AGLI SGOCCIOLI?

    Sei arrivato alla fine di questo articolo e non hai ancora la più pallida idea di cosa regalare? Oppure, non sei sicuro della taglia o dell’utilità di un particolare articolo? Con un Buono Amazon vai sul sicuro; sarà sicuramente una cosa gradita, ma soprattutto utile e versatile! È possibile effettuarlo sia in forma digitale, che come biglietto di auguri o cofanetto. Altra soluzione sono le Gift card che si possono usare sia online che nei negozi delle catene; in questo modo il destinatario del regalo potrà scegliere con più cura e tranquillità la taglia migliore. Tra questi ricordiamo la Gift Cards Decathlon.

    Non perderti anche l’articolo dedicato ai regali per allenatori ed istruttori di calcio nel quale potrai trovare power bank ed idee per regali multipli.

    Autore dell’articolo: Melli Luca, istruttore Scuola Calcio A.S.D. Monticelli Terme 1960 (melsh76@libero.it) ed Istruttore di Atletica leggera GS Toccalmatto.

  2. Allunghi e modulazione del tono muscolare

    Leave a Comment

    Il posizionamento degli allunghi all’interno del piano d’allenamento è un aspetto spesso trascurato dal runner perché permette di modulare il tono muscolare (cioè la contrazione “di fondo”, involontaria, del muscolo, che permette di ottimizzare le contrazioni muscolari) che ai più rappresenta un meccanismo fisiologico sconosciuto. Senza addentrarsi eccessivamente in aspetti che riguardano la fisiologia neuromuscolare è possibile affermare che un adeguato tono muscolare è in grado di permettere al podista di gestire al meglio la frequenza e l’ampiezza del passo durante la gara, con una percezione dello sforzo inferiore; è anche da ricordare che questo si abbassa dopo l’effettuazione di allenamenti lunghi e/o estremamente faticosi, mentre si alza (per qualche decina di ore) quando si è riposati o dopo un allenamento di poche brevi azioni quasi massimali.

    Per questo motivo, uno scarso tono (caratteristica di alcuni runner, in particolar modo oltre i 50 anni, quando tende a calare la forza muscolare) potrebbe rendere la corsa più “faticosa” anche quando il sistema aerobico è in buona condizione. Nel documento scaricabile sono presentati 2 tipologie di allunghi per il mantenimento delle qualità muscolari e per la modulazione del tono. È comunque da precisare che un incremento indiscriminato del tono muscolare (caso raro, ma possibile per quei podisti con un tono gia elevato e che si allenano troppo poco) può causare contratture, infortuni o crampi.

    Scarica il Documento sugli Allunghi e tono muscolare

    Puoi trovare l’indice di tutti i nostri post ed articoli sulla corsa nella nostra pagina dedicata al Running.

    Autore: Melli Luca, istruttore atletica leggera GS Toccalmatto (melsh76@libero.it)

Mistermanager.it © Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Realizzazione siti internet www.christophermiani.it

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei