Tag Archive: calze floky recensioni

  1. Quanto sono importanti le calze per il calciatore?

    Leave a Comment

    (Aggiornato al 10/06/2022)

    Sinceramente mi sono sempre chiesto perchè nel calcio fossero ancora così sottovalutate le calze “biomeccaniche” (l’evoluzione delle “compressive”), mentre per i runner sono ormai un accessorio fondamentale.

    Essendo anche un runner (oltre che preparatore atletico nel calcio), ho da subito trovato giovamento nell’utilizzo delle calze compressive (e da ora ancor di più da quelle biomeccaniche); questo per quanto riguarda le problematiche ai polpacci ed al tendine d’achille, oltre ad una migliore percezione della corsa.

    Malgrado questo tipo di problematiche siano meno frequenti nei calciatori, sono comunque abbastanza invalidanti (quando si verificano), perché vanno a colpire strutture anatomiche che sono particolarmente sollecitate dalle azioni intense presenti nel gioco del calcio.

    Andando a cercare in rete, fino all’anno scorso le uniche calze “tecniche” per il calcio presentavano solamente la proprietà “antiscivolo”; quest’anno invece, sono uscite le prime calze biomeccaniche con tutti i requisiti necessari per prevenire certi tipi di infortuni e migliorare la performance.

    Si tratta delle Floky Axsist, distribuite da una ditta Italiana e progettate con Mauro Testa, uno dei biomeccanici con maggiore autorevolezza nell’ambiente.

    In questo articolo vedremo i perché della superiorità delle calze biomeccaniche rispetto a quelle tradizionali, in termini di performance, partendo comunque dal presupposto che nascono come calzature per prevenire alcuni tipi di infortuni. Il post è rivolto sia a preparatori atletici che a giocatori di calcio, in quanto l’esposizione dei contenuti sarà comprensibile a tutti.

    Cosa rende le calze biomeccaniche così uniche?

    Questo tipo di calzature nasce inizialmente dalla necessità di ridurre il rischio di infortuni nel mondo della corsa; nel nostro post dedicato alle calze biomeccaniche e compressive nella corsa, potete notare tutti i benefici possibili (non solo relativi agli infortuni); portare lo stesso tipo di innovazione nel calcio, con un prodotto altrettanto specifico, richiede comunque un certo adattamento alle caratteristiche della disciplina.

    Così nascono così le Floky Axsist, con 3 peculiarità principali (non solo l’antiscivolo) che ne determinano l’efficacia:

    1. Il primo è la presenza di una serigrafia antiscivolo (nella pianta e collo del piede) altamente specifica per i movimenti del calciatore; non si tratta dei soliti “puntini” o “rilievi” presenti in altre calze, ma di un disegno ottimizzato ai movimenti. In questo modo il piede non “scivola” nella scarpa evitando la dispersione di energia dovuta allo scivolamento.
    2. Compressione a livello del mesopiede (24 mmHg): è lo stesso principio di quelle da running, con l’effetto di facilitare il ritorno venoso limitando l’accumulo di edema e facilitando l’ossigenazione muscolare; questo, in linea teorica, potrebbe ritardare l’effetto della fatica. Lo stesso effetto si ottiene grazie alla struttura siliconica presente nella parte posteriore della calza.
    3. Struttura siliconica nella parte posteriore (Tape Application System): questa, posta a livello del tendine d’achille, contribuisce a ridurre l’eventuale eccesso di vibrazioni (che causano perdita di reattività) che possono insorgere quando le sollecitazioni sono molto elevate.

    Ma quali sono i benefici concreti?

    Lasciamo parlare i numeri per capire gli effetti di queste calze; i dati che potete vedere nell’immagine sotto sono tratti dal sito della casa produttrice.

    Se i risultati ottenuti con le calze biomeccaniche da running sono stati pubblicati su 2 riviste internazionali (Daniele et al 2020Licciardi et al 2021), per questi che riguardano le Floky Axsist dobbiamo andare sulla fiducia di quanto riportato online.

    Conoscendo a priori i benefici garantiti di quelle da running, considerando la serietà della casa produttrice e l’autorevolezza dello sviluppatore di queste calze (Mauro Testa), credo sia ragionevole fidarsi dei dati riportati.

    floky socks calcio

    Come ripetuto sopra, malgrado nascano come calze per la prevenzione degli infortuni, i dati più facili da ottenere sono quelli relativi al miglioramento della performance, che sono evidenti.

    Dal punto di vista logico è presumibile ipotizzare che le strutture anatomiche che possano beneficiarne maggiormente per la prevenzione sono le componenti più distali degli arti inferiori (piede, caviglia polpacci e tendine d’achille); in ogni modo un miglior controllo motorio ed una riduzione dell’impegno muscolare (peraltro evidente, del 12,8%) garantiscono benefici per tutte le catene muscolari; infatti, una riduzione del “carico interno” ritarda l’insorgenza della fatica muscolare e di conseguenza riduce il rischio di infortuni.

    L’utilità del bloccaggio del piede all’interno della scarpa si suppone sia ancor più evidente nelle calzature senza lacci, che presentano più spesso questo problema; inoltre, la riduzione dello scivolamento diminuisce la probabilità di formazione di vesciche e migliora la sensibilità nel calcio al pallone.

    In più, una parte consistente dei materiali utilizzati (soprattutto il filato) è ottenuto da forme di riciclo (Repetita®) dimostrando una certa attenzione della casa produttrice verso la sostenibilità ambientale.

    Sono utili anche per il recupero?

    Queste calze sono proposte anche per il recupero, in quanto la compressione facilita il ritorno venoso minimizzando l’accumulo di edema; nel nostro post dedicato al recupero, potete leggere un intero approfondimento sugli effetti della compressione.

    Dall’immagine riassuntiva di sopra, è evidente comprendere come i benefici della compressione siano evidenti in caso di “dolori”, “fastidi” o in caso di aumento del rischio di infortuni. Le calze Floky quindi, possono trovare utilità nei casi sopra citati, quando le strutture anatomiche chiamate in causa sono a livello dei piedi e della gamba (polpaccio e tendine d’achille).

    Tra i modelli disponibili, per la rigenerazione e per favorire l’adattamento sono comunque da preferire le Re-charge, in quanto strutturate appositamente per il recupero.

    Le usa anche Ibra

    Zlatan Ibrahimović è stato il primo giocatore famoso ad utilizzare le Floky Axsist; attenzione, non si tratta di un “testimonial”, ma di un professionista di alto livello che ha deciso di optare per queste calze per ridurre una sua problematica (tallonite acuta). Potete vederne la testimonianza in questo post di linkedin.

    Cosa dice la bibliografia internazionale?

    Cercare conforto in studi e ricerche sull’argomento è fondamentale, in quanto solo quando risultati omogenei vengono ripetuti da più gruppi di ricerca, allora ci si può avvicinare ad un grado di “certezza” dell’efficacia.

    Purtroppo attualmente gli studi pubblicati sugli effetti delle calze nel calcio sono solo 2, per di più dello stesso gruppo di ricerca (Pavin et al 2019 e Gimenes et al 2021); inoltre, non si tratta di calze biomeccaniche, ma compressive fino al ginocchio; in altre parole, le calze studiate dal gruppo Spagnolo avevano solo la “compressione” come caratteristica tipica delle biomeccaniche. In ogni modo, l’effetto fu quello di migliorare il recupero di alcuni parametri atletici entro le 72 ore la fine della partita.

    È quindi presumibile che le Re-charge possano avere gli stessi effetti (se non migliori) di quelle usate nella sperimentazione.

    Conclusioni e ricadute applicative

    Come abbiamo accennato per le Calze biomeccaniche da running, questi accessori non fanno miracoli, ma possono dare un contributo all’atleta, sia per la prevenzione degli infortuni, che per la performance; questo grazie alla riduzione delle vibrazioni, al bloccaggio del piede nella scarpa e all’aumento del ritorno venoso.

    Quello che è altrettanto importante capire, è chi può trarne maggiormente vantaggio?

    Perché quando si riportano dei risultati ottenuti da una sperimentazione (come nel caso delle Floky Axsist), si tratta sempre di dati medi; in altre parole, probabilmente alcuni giocatori possono averne un beneficio superiore, mentre altri inferiore.

    Considerando i singoli effetti della calza, probabilmente soggetti a maggiore rischio di infortuni sono quelli che possono trarne maggiore vantaggio in quanto a prevenzione (vedi il caso di Ibra). Per quanto riguarda la performance, attualmente è difficile ipotizzare chi può averne maggiore beneficio, ma sinceramente è presumibile che un prodotto del genere si possa consigliare a tutti.

    Clicca qui per il nostro codice sconto.

    Per il recupero invece, sono ottime le Re-charge in quanto presentano anche una parte del filato in bioceramica, per potenziare ulteriormente il processo di rigenerazione ed adattamento.

    Per le prospettive future (anche in considerazione delle ricerche attualmente disponibili) potrebbe essere interessante “allungare” le Floky Axist fino a sotto al ginocchio, incrementando i benefici della compressione per tutto il polpaccio.

    Se l’articolo ti è stato utile, accedi al nostro Canale Telegram Preparazione Atletica Dilettanti; potrai scaricare gratuitamente il nostro “Ricettario” di esercitazioni per il condizionamento atletico, diviso in lavori aerobici, coordinativi, di rapidità e funzionali. In più, settimanalmente nuovi post esclusivi, sempre sulla preparazione atletica.

    Autore dell’articolo: Melli Luca, istruttore Scuola Calcio A.S.D. Monticelli Terme 1960, preparatore atletico AC Sorbolo ed Istruttore di Atletica leggera GS Toccalmatto. Email: [email protected]

Mistermanager.it © Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Realizzazione siti internet www.christophermiani.it

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei