Speciale Europa League: Conosciamo l’Atletico Madrid prossimo avversario della Lazio

atletico madrid 1

L’urna di Nyon non è stata particolarmente buona con la Lazio che nei sedicesimi di finale di Europa League dovrà andare incontro alla temibile squadra spagnola dell’ Atletico Madrid, sicuramente uno degli avversari più ostici che la sorte potesse riservare. I “colchoneros” hanno già affrontato l’Udinese, altra squadra italiana affrontata nei gironi eliminatori. La squadra di Manzano punterà tutto sull’Europa League, anche perchè nella Liga occupa posizioni defilate, e quindi i biancocelesti dovranno per forza usare la formazione migliore per provare ad avere la meglio. Intanto conosciamo da vicino la seconda squadra di Madrid:

 UN PO’ DI STORIA

L’Atletico Madrid è tra le principali squadre spagnole, la terza squadra del paese iberivo per titoli vinti, con 9 titoli nazionali ed altrettante Coppe del Re. In campo internazionale la società può vantare la conquista della Coppa delle Coppe nella stagione 1961-1962, e la Coppa Intercontinentale nel 1974, oltre agli ultimi trofei della stessa Europa League nella stagione 2009-2010 e  della Supercoppa europea l’anno dopo contro l’Inter di Benitez. È una delle quattordici squadre europee (l’ultima in ordine cronologico) ad avere disputato almeno una finale in ciascuna delle tre principali coppe europee (Coppa dei Campioni-Champions League-Coppa delle Coppe- Coppa delle Fiere-Coppa Uefa-Europa League). L’Atlético Madrid è stata l’unica squadra ad aver vinto la Coppa Intercontinentale senza aver vinto la Coppa dei Campioni perchè disputò la partita in sostituzione del Bayern Monaco, in quanto i tedeschi rinunciarono. Il soprannome dei giocatori e dei tifosi è colchoneros (produttori di materassi)

LO STADIO

VICENTE CALDERON

 

LA ROSA

 

1 P Joel

2 D Diego Godín

3 D Antonio López (capitano)

4 C Mario Suárez

5 C Tiago Mendes

6 D Filipe Luís

7 A Adrián López

8 C Eduardo Salvio

9 A Radamel Falcao

10 C José Antonio Reyes

11 C Arda Turan

12 C Paulo Assunção

13 P Thibaut Courtois

14 C Gabi Fernández

15 A Pizzi

17 D Sílvio

18 D Álvaro Domínguez

19 C Koke

20 A Juanfran

21 D Luis Perea

22 C Diego

23 D João Miranda

24 A Diego Costa

25 P Sergio Asenjo

26 D Jorge Pulido

FORMAZIONE TIPO

La rosa dei “Colchoneros” è di tutto rispetto, e le caratteristiche dei calciatori fanno si che Manzano quest’anno abbia cambiato la composizione in campo alternando un 4-2-3-1 (come raffigurato qui sopra) ad un 4-3-2-1: la differenza sostanziale sta negli attegiamenti della squadra durante il match. Mettendo Falcao come titolare inamovibile, abbiamo scelto per esempio il 4-2-3-1 con il Salvio e Arda Turan come esterni offensivi, fondamentali sopratutto a far rimanere bloccati i terzini avversari, e anche in fase offensiva permettere a Falcao di essere pericoloso come uomo d’area visto la qualità dei suddetti nei cross e nel guadagnare la superiorità numerica. Diego come trequartista è ideale nel lanciarli, più che ad inserirsi, mentre il duo composto da Mario e Gabi fa si che la linea mediana faccia quel filtro fondamentale per equilibrare la squadra. In difesa Filipe e Silvio spingono non poco e in fase di ripiego non danno quelle garanzie necessarie, e per questo la formazione di Reja dovrà per forza puntarli sfruttando il punto debole dei spagnoli. La coppia centrale che abbiamo scelto è Miranda- Dominguez con l’uruguayano Godin che può essere tranquillamente inserito nell’undici titolare. Il portiere Courtuis, di proprietà del Chelsea, è tra i migliori della sua generazione, capace di parate sensazionali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *