Saranno Scout: Third-party Ownership

pallone_soldi_ansa

a cura di Remigio Ripa*

Nel mondo del calcio, ci sono dei fatti che vengono totalmente ignorati da chi segue il calcio, poiché non suscitano il loro interesse. Uno di questi è il fenomeno della Third-party ownership, meglio denominata come TPO, che consiste nel possesso dei diritti alle prestazioni sportive di un calciatore (cioè il cartellino) da parte di soggetti diversi dalle società di calcio.
Più nello specifico sono dei fondi di investimento che acquistano una percentuale del cartellino di un calciatore, soprattutto quando questo è giovane, con l’intento di rivenderlo in futuro ad un prezzo più alto.
Questo fenomeno si è sviluppato maggiormente nei paesi dell’America Latina dove le società di calcio hanno delle difficoltà economico-finanziarie non indifferenti, così vengono “aiutate” da questi fondi per acquistare calciatori e farli crescere, sempre però con il fine di trarne benefici al momento della vendita.
Ciò è stato oggetto di osservazione di alcuni organi, e proprio durante una riunione, la FIFA ha preso la decisione di abolire il TPO dal 1° Maggio 2015, mentre per le TPO già in vigore varrà la scadenza decisa. Dopo l’annuncio di tale decisione si sono opposti i club sudamericani, ma non solo, anche federazioni europee dichiarando che l’abolizione della TPO danneggi non poco il calcio, poiché ciò interferisce con i trasferimenti in entrata e in uscita.
Ovviamente come tutte le cose, anche questo fenomeno ha dei pro e dei contro:
Per quanto riguarda i Pro, esso permette ai giovani calciatori provenienti da paesi poveri di sviluppare la propria attività, oltre al fatto di far risparmiare le società sugli ingaggi creando un mercato attivo facendo ridurre i costi di transazione.
Infine per quanto riguarda i Contro, è stato detto che ciò è simile al mercato degli schiavi, e che potrebbe creare problemi di regolarità delle competizioni, e come cosa più importante essa può essere utilizzata come strumento per aggirare alcune normative, cioè può essere utilizzata per eludere il fair play finanziario.

Lettera della lega calcio spagnola

*Remigio Ripa, 22 anni, è uno studente universitario iscritto al primo anno di Servizi giuridici per le Società sportive. Segue partite di qualsiasi campionato e categoria, gli piace essere sempre informato su tutto ciò che accade nel mondo del calcio e da qualche anno sto studiando attentamente la figura del procuratore e dell’osservatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *