Mexes: “Desideravo il Milan fin da bambino”

mexes

è un Philippe Mexes raggiante e soddisfatto quello che si rivolge alla stampa in veste di neo-milanista, dichiarando di non vedere l’ora di indossare la casacca rossonera per scendere in campo e vivere al massimo questa nuova esperienza. La Roma è ormai alle spalle, il futuro si chiama Milan.

Così Mexes ha dichiarato ai giornalisti: “Sono molto orgoglioso di poter indossare questa maglia il prossimo anno, perchè penso sia un sogno per ogni calciatore arrivare in un club così titolato e blasonato. Spero di poter stare al Milan per almeno quattro anni e di potermi togliere numerose soddisfazioni. Ora vengo in punta di piedi e sicuramente non pretendo nulla, anzi prenderò esempio da tutti i grandissimi campioni che affollano questa squadra sperando di migliorare ancora e di rendere felici i tifosi. Era un sogno che avevo da bambino quello di approdare al Milan ed ora che ho avuto l’opportunità di realizzarlo di sicuro non me la farò sfuggire. Avere Nesta e Thiago Silva come compagni è un grandissimo onore, li ritengo calciatori insuperabili e spero di poter essere alla loro altezza.”

Doveroso poi un pensiero del centrale francese per la Roma, club che lo ha ospitato per sette lunghi anni, consacrandone il talento: “A Roma ho passato anni meravigliosi che non dimenticherò mai, ho lasciato dei grandi amici a cui auguro tutto il bene del mondo, ma ora ho voltato pagina e il mio presente si chiama Milan. Un pensiero su Francesco Totti? Lo ringrazio perchè mi ha aiutato molto e forse senza di lui ora non sarei qui. Mi dispiace soltanto che ora dovrò marcarlo e questo non sarà affatto facile, in compenso almeno mi eviterò di “duellare” con Pato ed Ibrahimovic..” Una riflessione poi sul suo amico ed ex compagno di squadra Menez, prossimo indiziato ad abbandonare la squadra giallorossa: “Sarebbe bello se Jeremy venisse al Milan perchè ha un talento enorme e sicuramente sarebbe molto utile alla causa. In ogni caso gli auguro di trovare un club adatto a lui, perchè se lo merita.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *