L’Inter ringrazia Nagatomo, 1-0 a Genoa nel recupero giocato stasera

copertina

L’urgenza dell’Inter di dare continuità e maggior senso al proprio campionato viene soddisfatto da un colpo di testa di Nagatomo al che ha dato la seconda vittoria consecutiva ai nerazzuri. La squadra di Ranieri ha incontrato più difficoltà del previsto comunque contro un Genoa che poteva avere la meglio e che alla fine è stato punito proprio nel suo momento migliore 

Nell’Inter la grande novità è l’esordio dell’ex sampdoriano Andrea Poli, che gioca sulla sinistra del centrocampo, con il confermatissimo Faraoni a destra e la coppia centrali Cambiasso-Thiago Motta. Confermato il resto della formazione: Julio Cesar tra i pali; in difesa Zanetti e Nagatomo esterni con Lucio e Samuel centrali; in attacco Pazzini e Milito. Malesani ricorre alla difesa a cinque per fronteggiare l’Inter: davanti a Frey giocano i tre centrali Granqvist, Dainelli e Kalade, con Mesto e Moretti sulle fasce; a centrocampo Rossi, Veloso e Moretti, con Merkel alle spalle dell’unica punta Zè Eduardo.

Il Genoa ha iniziato meglio mettendoci corsa ed energia, ma la pressione non ha prodotto particolari problemi all’Inter che ha trovato il giusto equilibrio tattico dopo il primo quarto di gara. In nerazzurri hanno esercitato una leggera supremazia territoriale ma che ha trovato pure la dinamicità del centrocampo del Grifone, praticamente nella prima mezz’ora poco pochissimo da segnalare di azioni salienti. Siamo dovuti arrivare al 35′ quando da un corner di Faraoni dalla destra, prima Samuel di testa e poi Milito hanno messo a dura prova i riflessi felini di Frey. La risposta del Genoa è stata pressochè nulla, anche per via di un attacco inesistente e un Ze Eduardo praticamente uno spettatore in campo non pagante (ma da uno stipendio miliardario). Alla fine il primo tempo è volato via come nulla fosse e la gente con le mani sulla bocca a sbadigliare conseguenza del pochissimo spettacolo offerto. La seconda parte non è stata poi cosi diversa, sempre con le due squadre che si sono annullate a vicenda. I tifosi genoani si sono svegliati vedendo i loro beniamini insaccare un gol, che alla fine l’arbitro ha annullato per fuorigioco (molto molto dubbio) di Granqvist. Poco dopo è stata l’Inter che ha realizzato la rete quella buona , e ha pensarci è stato Nagatomo, al suo secondo centro consecutivo, udite udite con un gran colpo di testa, sul crosso di Alvarez, bruciando un addormentato Mesto. Dopo il gol la partita è diventata se non altro più divertente, con l’Inter che ha avuto qualche buona occasione in contropiede, mentre il Genoa con Rossi e Veloso ha rischiato il pareggio, ma il risultato non è più cambiato più.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *