Le rotazioni dei centrocampisti

Le rotazioni, sono dei movimenti coordinati tra tre o più giocatori che cambiano la loro posizione al fine di fornire più soluzioni di passaggio al giocatore in possesso di palla.

Principi generali:

  • se il centrocampista è marcato, deve liberare lo spazio aprendo nuove zone di smarcamento per i compagni;
    lo smarcamento deve essere eseguito dal potenziale ricevente:
  • quando il compagno può eseguire il passaggio;
    in uno spazio (zona luce); ad esempio in zona di rifinitura, tra le due linee di centrocampo e difesa avversarie;
    con un postura che consenta un’adeguata visione periferica;
  • chi trasmette la palla deve muoversi per occupare un’altra zona di campo (ciò consente di non dare punti di riferimento fissi agli avversari).

In base ai possibili schieramenti previsti dai sistemi di gioco andiamo ad analizzare alcuni tipi di soluzioni in fase di possesso.

Centrocampo a 4 in linea.

8 si abbassa a sostegno del Centrocampista Esterno 11che trasmette 4 smarcatosi in avanti tra le due linee avversarie, a dettare il passaggio. 7 attacca la profondità, solo dopo aver valutato il chiaro possesso del compagno 4.

Sulla conduzione di 3 che imposta, 11 si muove incontro, 8 si inserisce largo e in profondità; 4 dà appoggio e successivamente In fase di sviluppo 8 mantiene l’ampiezza, 11 converge e va sotto 9 per eventuale passaggio di scarico, 4 fa azione di sostegno e allo stesso tempo di copertura preventiva; 7 si allarga per dare ampiezza ed eventualmente attacca la profondità.

3 conduce, 11 si muove incontro; 8 si inserisce oltre la linea dei Centrocampisti avversari e 4 ruota internamente in appoggio a 3, ricevendo con una postura del corpo “aperta” che gli consenta una visione periferica adeguata.

5 imposta in conduzione, 4 si allarga e 7 converge per la ricezione interna. 8 dà sostegno centrale. 2 può inserirsi in sovrapposizione.

Centrocampo a 4 “a rombo”.

5 imposta conducendo palla. 7 va in ampiezza, 4 si alza e detta il passaggio; 8 si abbassa e dà sostegno centrale. 10 attacca lo spazio e la profondità nel lato debole degli avversari.

9 si accentra in conduzione, 8 si sovrappone mentre 11 taglia dietro la linea difensiva avversaria. 10 dà sostegno centrale.

3 imposta conducendo e 8 si allarga sulla linea di trequarti senza andarsi ad “appoggiare” al Difensore Esterno avversario (non in profondità). Se quest’ultimo accorcia in pressione su 8 si “rompe” la linea difensiva aprendo nuovi spazi per gli attaccanti. In caso contrario la mezzala 8 può ricevere e puntare. 10 può ricevere tra le linee, mentre 9 attacca la profondità.

Centrocampo a 3 con “vertice basso”.

Imposta 3 in conduzione. 8 va in ampiezza e 4 va ad occupare il suo spazio. Sul passaggio alla punta 4 è pronto sullo scarico. Il movimento della mezzala opposta 7, va a dare sostegno all’azione offensiva e allo stesso tempo copertura preventiva. ( 8 può ricevere smarcato sulla trequarti esterna o può portare fuori dalla linea un difensore).

Imposta 5 in conduzione; 8 si abbassa a ricevere consentendo inserimento dell’esterno 3. 4, marcato, si alza e va a sostegno dell’attaccante su eventuale filtrante o costruzione diretta. La mezzala opposta Il vertice basso 7 detta eventuale passaggio centrale corto.

Palla al vertice basso 4; 7 si smarca alle spalle del centrocampista avversario; 8 si apre in smarcamento con la corretta postura che gli consenta un’accettabile visione periferica. 3 Può inserirsi ed eventualmente ricevere anche direttamente da 4.

Centrocampo a 3 con “vertice alto”.

La mezzala 8 è in possesso di palla; 10 taglia davanti a lui e 4 va ad occupare lo spazio lasciato libero. Dopo il passaggio, 8 si accentra in copertura preventiva.

Il Difensore Esterno 3 imposta; la mezzala 8 si abbassa in appoggio. Il trequartista 10 va ad occupare lo spazio lasciato libero da 8. La mezzala opposta 4 si alza occupando lo spazio del trequartista.

Palla al Difensore Esterno 3 che trasmette veloce sul movimento incontro di 8 che fa velo e prosegue la corsa in avanti. Il Centrocampista Centrale 4 va a coprire lo spazio lasciato da 8. Quando il vertice alto 10 riceve può fare sponda sul movimento di 8, oppure eseguire passaggio di scarico a 4 a sostegno (che dà anche copertura preventiva).

Esercitazioni/esercizi

Si creano tre settori di cui uno centrale che sarà utilizzato esclusivamente da tre centrocampisti “jolly” che giocheranno con la squadra in possesso di palla. In fase di costruzione, i quattro difensori devono eseguire costruzione manovrata con trasmissioni sicure sul cc smarcatosi. Se il centrocampista scende per la ricezione nell’area di costruzione ma è marcato, dovrà uscire: al suo posto dovrà scendere a ricevere uno degli altri due compagni di reparto (rotazione). Solo un cc alla volta può entrare nell’area di costruzione (5vs3). Dopo la ricezione, il cc svilupperà l’azione con i compagni di reparto o direttamente con gli attaccanti per la finalizzazione. Progressione: quando la palla entra nell’area di finalizzazione un cc può partecipare all’azione (4vs4).

6vs3 finalizzato alla ricerca del Centrocampista che dovrà ricevere e con al massimo due tocchi trasmettere palla verso un altro giocatore blu. I rossi guadagnano un punto ogni qualvolta intercettano il pallone. Obiettivo tecnico tattico: ricerca e trasmissione al Centrocampista Centrale. Cura della postura del corpo in fase di ricezione (visione periferica, anticipazione motoria). Progressione: aumento del numero dei difensori.

La costruzione manovrata parte sempre dal portiere che serve a uno dei Difensori Centrali. La palla dovrà passare per uno dei Centrocampisti che dovranno smarcarsi attraverso delle rotazioni in superiorità numerica (3vs2). Superati gli avversari verrà sviluppata l’azione di attacco con finalizzazione sfruttando i tre attaccanti ed eventualmente gli inserimenti dei giocatori esterni (a seconda del sistema adottato). Progressione: aumentare gradualmente il numero degli avversari fuori del quadrato.

7vs7 senza attaccanti, per stimolare smarcamenti, rotazioni e inserimenti dei centrocampisti. Regola del fuorigioco. Progressione: – Si può iniziare l’esercitazione senza i portieri (area di meta). – Aggiunta di un attaccante centrale per squadra al fine di poter sfruttare anche inserimenti con le sponde.

Visite: 1286

Lascia un commento