La figura dell’Agente di calciatori.

L’Agente di calciatori.

  • Che cosa fa.
    Tiene i contatti con i Club e i dirigenti sportivi, cura il profilo giuridico e fiscale di ogni contratto sottoscritto dal calciatore, si aggiorna sulle novità del regolamento, tiene i rapporti con la stampa, ascolta e consiglia. L’Agente può anche organizzarsi in forma imprenditoriale.
  • Requisiti.
    Essere un intenditore di calcio, conoscere il mercato, conoscere le problematiche delle società sportive e trovare soluzioni alle loro esigenze. Inoltre, seguire l’attività dei propri calciatori e scoprire nuovi talenti. Indispensabile l’iscrizione all’Albo Agenti.
  • Quanto guadagna.
    La commissione è convenuta tra le parti (minimo 3% lordo sul contratto tra calciatore e società, o una somma forfetaria per l’attività svolta a favore di questa).
  • Come si diventa.
    Corsi di formazione e aggiornamento, seminari presso l’Assoagenti. Bisogna sostenere un esame, bandito dalla Federazione italiana gioco calcio due volte l’anno (marzo e settembre): domanda di partecipazione e testi su www.figc.it. Per iscriversi all’Albo professionale, entro sei mesi dal conseguimento dell’idoneità, stipulare una polizza di responsabilità professionale commisurata al volume d’affari dell’agente e pagare le quote di iscrizione alla Figc, Commissione Agenti di Calciatori.

Il consiglio di…
Enzo Proietti, agente di calciatori (Assoagenti, www.assoagenticalcio.com)
«Non basta sostenere l’esame e iscriversi all’Albo, per avere successo. Il momento più difficile per il neo-Agente è l’inserimento nel mercato. Meglio avvicinarsi a questo mondo solo se minimamente inseriti: indispensabile un’agenda con i contatti giusti».

di Silvia Messa ( s.messa@millionaire.it ). Millionaire marzo 2005.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *