Inter, Fabregas nell’orbita di Moratti

fabr

Il calciomercato sembra ancora lontano considerando che i verdetti del campionato non sono stati ancora decisi, ma per gli addetti ai lavori non è certo così, considerando che già da tempo si lavora alacremente sotto banco al fine di rendere la propria squadra più competitiva la prossima stagione. Fra i protagonisti c’è sicuramente Massimo Moratti, che negli ultimi anni ha fatto abituare i propri tifosi ai fasti del calciomercato dei grandi nomi e che pare anche quest’anno non li deluderà. Nell’orbita interista infatti è entrato Cesc Fabregas, spagnolo campione del mondo dell’Arsenal, che sembra sia deciso a cambiare aria dopo tante stagioni con la casacca dei “Gunners”.

Moratti dal canto suo sta seguendo con grande attenzione lo svolgimento dell’eventuale trattativa di cessione dell’iberico, che sicuramente farebbe comodo all’Inter, convinto che alla squadra serva sicuramente un rinnovamento dopo il sontuoso triplete dello scorso anno. Il presidente nerazzurro sarebbe ben felice di piazzare il grande colpo, andando così sicuramente ad accontentare in un colpo solo sia allenatore (anche se non si sa ancora chi siederà il prossimo anno sulla panchina dell’Inter) che tifosi. Il centrocampista campione del mondo con la Spagna per ora è certo soltanto di una cosa: è stufo di non vincere nulla da troppi anni con il proprio club d’appartenenza ed è deciso a cambiare aria, al fine di giungere in una squadra maggiormente competitiva ed abituata a trofei e “tituli” come l’Inter. Dopo il ko di domenica scorso dell’Arsenal contro il Bolton, Fabregas ha avuto la certezza che anche quest’anno non vincerà nulla e questo pare non sia andato proprio giù al talentuoso spagnolo, determinato ora più che mai ad indossare una nuova casacca nella prossima stagione. La quotazione è sicuramente alta, circa 40 milioni, ma il club nerazzurro non ha certo intenzione di mollare senza prima aver provato ad assicurarsi il gioiellino della Premier League, nonostante abbia messo gli occhi anche su Narsi e Wilshere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *