Il colpo del ko: la transizione

images

La transizione  e’ paragonabile al colpo da knock down di un pugile che coglie impreparato l’avversario sbilanciato ad attaccare.

Immaginiamo il pugile che sferra un diretto dx e che nell’ eseguirlo lascia scoperto il volto: se il difendente coglie l’ attimo giusto e anticipa puo’ trovare il colpo decisivo.

Quindi elementi fondamentali per una transizione efficace sono:

  1. la distrazione di chi offende;

  2. la capacita’ di prevedere e anticipare il movimento avversario;

  3. la scelta del tempo nell’ anticipo;

  4. la velocita’ nell’ eseguire il colpo risolutivo;

  5. la velocita’ di  accoppiamento dei movimenti atti a concludere l’ azione (knock down/tiro in porta/gol).

A volte si predilige un finto atteggiamento remissivo della squadra per portare l’ avversario a perdere gli equilibri tra i reparti durante la propria azione offensiva.

Viene scelto inoltre un lato debole dove affondare il colpo. Per esempio il giocatore tecnicamente meno abile e si attende che il gioco arrivi da quel lato per pressare- recuperare- verticalizzare-concludere.

La transizione puo’  essere un ko : ma e’ la capacita’ di attenzione che determina se subirlo o farlo subire.

 

 Mister Giacomo Bizzarri

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *