Il calcio su un tavolo: campionati italiani 2013 F.I.S.C.T.

Subbuteo

Saverio Bari bissa il successo del 2012 con un nuovo titolo individuale nazionale

E’ stato ancora il Palazzetto dello Sport di Chianciano T. (SI) la cornice dei XXXIX Campionati Italiani Assoluti FISCT, edizione 2013. Ai nastri di partenza 15 team per l’evento che ha decretato i Campioni d’Italia per le categorie giovanili “PRIMAVERA” e “U19” (trofeo V. Colomba) e oltre 120 atleti nella competizione individuale, disputatasi il sabato, che assegna i vari titoli di categoria.
Sette le categorie previste: MASTER – CADETTI – VETERAN – U19 – U15 – U12 – LADIES.

Presenti come sempre i migliori esponenti del CdT italiano, venuti fuori dalle qualifica-zioni regionali e dall’elite del ranking nazionale, per contendersi l’ambitissimo titolo, che l’anno prossimo vedrà superare il traguardo della 40a edizione. Titolo che staccherà di diritto il biglietto per la prossima FISTF World Cup di Madrid, mentre molte delle scelte dei due CT Lamberti & Palmieri saranno certamente influenzate dall’esito delle gare.

Nella cat. MASTER consueta formula con i quattro maxi-gironi preliminari, tutti davvero affascinanti.
Da brividi il girone A, con Saverio BARI, Daniele BERTELLI e Massimo BOLOGNINO. Intrigante il girone C, che vede fronteggiarsi i baby terribili Luca COLANGELO e Luigi DI VITO insieme alla testa di serie Gerardo PATRUNO. L’unica sorpresa è la prematura eliminazione di Andrea DI VINCENZO, in giornata decisamente no.
Agli ottavi cade anche Daniele POCHESCI per mano del decano Edoardo BELLOTTO, mentre il derby del Monferrato tra COLANGELO e Luca ZAMBELLO se lo aggiudica il primo con un perentorio 3-1. Una citazione a parte merita l’incontro tra Emanuele LICHERI e BOLOGNINO. Il forte atleta sardo si rende protagonista, nei secondi conclusivi del sudden death, del gesto tecnico più spettacolare dell’intera kermesse e vola ai quarti, dove prosegue la sua corsa eliminando anche PATRUNO.
A completare il tabellone Daniele BERTELLI e BARI, che stoppano i due baby COLANGELO e DI VITO e BELLOTTO, che elimina il sorprendente (mica tanto) Stefano FLAMINI. In semifinale LICHERI regge un tempo contro Daniele BERTELLI, poi si arrende con un eloquente 1-4. BARI invece deve sudare le proverbiali sette camicie per prevalere sul lanciatissimo BELLOTTO.
La finale è l’immancabile sfida incerta e ad alta tensione tra Saverio BARI e Daniele BERTELLI.
Se la aggiudica il primo per 3-2 ai tiri piazzati, dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sull’1-1. Per il reggiano è il meritatissimo tris consecutivo!

Nella cat. CADETTI bene Maurizio JON SCOTTA, Pasquale SEPE, Romualdo BALZANO e il duo laziale Simone TRIVELLI/Gianmarco DEL BROCCO, che accedono alle semifinali insieme a BALZANO e il solido spezzino Gianfranco MASTRANTUONO. Al termine di due tiratissimi match la finale è tutta biancazzurra.
Vedrà prevalere il può esperto TRIVELLI per 2-1.

Nei VETERAN il solito parterre de roi al via, assente giustificato il campione del mondo Francesco MATTIANGELI. Praticamente nessuna sorpresa nella fase preliminare, approdano agli ottavi tutti i favoriti. Qui, non annunciata, è la resa di Claudio DOGALI contro Cesare SANTANICCHIA, meno prevedibile il passaggio del turno di Raffaele DI VITO a spese di Francesco QUATTRINI.
Ai quarti match equilibrati, il solo Gianfranco CALONICO lascia intendere che venderà cara la pelle sino alla fine, sbarazzandosi con disarmante facilità di un rientrante Max SCHIAVONE.
In semifinale il rullo compressore sanremese doma Massimiliano CROATTI, nell’altra derby perugino tra Stefano DE FRANCESCO e Fabio BELLONI. La spunta a fatica il primo.
Bellissima e piro-tecnica la finalissima, CALONICO se la aggiudica con un conclusivo 3-2, bissando così il successo di novembre in Coppa Italia.

Nella cat. U19, nonostante l’assenza di COLANGELO, DI VITO e ZAMBELLO, favoriti d’obbligo gli “orange” napoletani Luca BATTISTA e Andrea CICCARELLI, con il laziale Andrea MANGANELLO nel ruolo di “terzo incomodo”.
Tra questi si inserisce a completare la griglia dei semifinalisti il terzo Fighters presente Antonio PELUSO. Ma CICCARELLI è un ostacolo troppo arduo, mentre al termine di un meraviglioso match BATTISTA prevale su MANGA-NELLO. L’epilogo è storia a sé… Andrea CICCARELLI si conferma ai vertici ella categoria aggiudicandosi il titolo al termine di un sofferto 2-1.

Nella cat. U15 è pesante l’assenza dalla competizione del solido ed esperto catanese PANEBIANCO, così come è stato interessante valutare i progressi di Filippo CUBETA di Pierce 14. La vittoria finale se la giocano in tre, fra i due scugnizzi Marco DI VITO degli Eagles Napoli e Matteo CICCARELLI dei Fighters si inserisce il piemontese Paolo ZAMBELLO, voglioso di rivincite dopo la non brillante prestazione in Coppa Italia.
Positivo anche il percorso del siciliano Antonio LA TORRE e in crescita il pisano Lorenzo TAMBURRI. In semifinale l’eterna sfida tra DI VITO e CICCARELLI si risolve di misura a favore dell’aquilotto partenopeo, mentre ZAMBELLO facile su Nicola BORGO.
La finale thrilling è un concentrato di emozioni, tecnica e furore agonistico. Prevale un po’ a sorpresa ZAMBELLO per 2-1 al sudden death.

Nella cat. U12 occhi puntati sull’oggetto misterioso Claudio LA TORRE. Dominatore tra le mura amiche della sua isola, la Sicilia, è atteso alla conferma in una manifestazione nazionale in cui ritrova tutti i migliori della categoria, i cremonesi Matteo BRILLANTINO e Marco CRISTIANO, il napoletano Francesco VEZZUTO e il toscano Leonardo GIUDICE. Piano piano il piccolo e implacabile giallorosso messinese sbaraglia con disarmante semplicità la concorrenza, dimostrando nonostante l’imbarazzante superiorità doti di umiltà e fair-play impensabili alla sua età.
Entusiasmante la semifinale tra BRILLANTINO e VEZZUTO, risoltasi per 4-3 a favore del cremonese, mentre nell’altra troppo facile per LA TORRE, vittorioso con un eloquente 7-1 su GIUDICE.
La finale vede la costante prevalenza territoriale di LA TORRE, che però mette in cassaforte l’incontro solo nelle fasi finali, aggiudicandoselo con un perentorio 4-0.

A cura di: F.I.S.C.T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *