Colpo giallorosso a Napoli: 3-1 e Roma che si è ritrovata

COPERTINA

Bella vittoria della Roma al San Paolo: ad aprire le marcature ci pensa De Sanctis, con un goffo autogol; nella ripresa Osvaldo raddoppia, Hamsik accorcia le distanze poi Simplicio al 90′ chiude i conti sul 3-1 per la Roma.

Luis Enrique, al solito, cambia volto alla Roma: senza gli infortunati Borini, Burdisso, Kjaer, Gago e Cassetti, oltre allo squalificato Pjanic, i giallorosso scendono in campo con Stekelenburg tra i pali; in difesa Rosi e Taddei esterni, Juan e Heinze centrali; a centrocampo Simplicio, De Rossi e Greco; in attacco Totti gioca in posizione più avanzata affiancato da LOamela e Osvaldo. Partenopei in formazione tipo: De Sanctis tra i pali; solita difesa a tre con Campagnaro, Cannavaro e Aronica; a centrocampo Maggio a destra e Zuniga a sinistra, con Inler e Gargano al centro; davanti Hamsik e Lavezzi alle spalle di Cavani

A pochi minuti dall’inizio capitan Totti aveva rivelato una frase di Luis Enrique rivolta alla squadra: “dobbiamo fare noi la gara”. Sarà stato un caso, o no, ma già dal primo pallone toccato si è subito vista una Roma aggressiva, che già dopo meno di due minuti è andata in gol: Erik Lamela (che De Laurentis bocciò in estate) ha fatto secco Cannavaro con un gran dribbling, poi sul tiro cross, De Sanctis sorpreso, ha praticamente messo la sfera dentro la porta. Un doccia gelata al San Paolo, e la gara disegnata da Mazzarri è cambiata dopo pochi secondi: infatti De Rossi ha giocato di fatto come un difensore aggiunto, chiudendo le linee di passaggio del Napoli, e annullando di conseguenza Hamsik.  Gli azzurri sono risultati più pericolosi sulla corsia sinistra con Zuniga ed è proprio da quella fascia che è arrivata l’occasione più nitida del Napoli nel primo tempo: l’assist del colombiano è stato perfetto, Hamsik tutto solo ha invece mandato incredibilmente il pallone sopra la traversa, nella porta sguarnita. La Roma nonostante il vantaggio non è stata a guardare, Simplicio sempre libero in mezzo al campo, ha dettato bene i ritmi di gioco. E’ stato però ancora il Napoli a creare le occasioni più pericolose e con Lavezzi in contropiede ha sfiorato nuovamente il vantaggio: “El pocho”  ci ha provato col destro da ottima posizione, e la sfera si è infranta sul palo. Il Napoli prima della fine del tempo, ha cercato di alzare il baricentro, ma nel finale di frazione sono stati i giallorossi a creare le azioni più pericolose: prima Osvaldo sulla verticalizzazione di De Rossi ha sfiorato il palo alla sinistra di De Sanctis, poi Lamela ha colpito la base del palo con un diagonale rasoterra. Nella ripresa, il copione non è cambiato: il Napoli ha continuato a premere il piede sull’acceleratore ma è stata la Roma con un bel cross di Totti dalla corsia destra a siglare il raddoppio: bravo Osvaldo in area ad anticipare i difensori centrali e a battere De Sanctis. Dopo il secondo gol giallorosso, il Napoli è sembrato tramortito, incapace di reagire, e la Roma ha amministrato la partita ma maggior tranquillità. L’ultimo ad arrendersi in casa partenopea è stato Cavani:”el matador”  ci ha provato prima di testa e poi con una conclusione in diagonale ma la porta giallorossa questa sera è sembrata stregata per il Napoli. La partita, che pareva ormai chiusa, si è riaperta però nel finale: ci ha pensato Hamsik con un diagonale ha regalare un finale da brividi. Gli azzurri sembravano trasformati, e si sono buttati con ferocia alla ricerca del pari. Ma nel momento di maggior spinta, con in mezzo il il gol annullato a Pandev per posizione di fuorigioco di Cavani, Simplicio, ha trova la rete che ha chiuso definitivamente la partita, e premiando “Arnold, come i suoi tifosi lo hanno battezzato, per la sua eccellente partita. Tre punti importantissimi per la Roma che raggiunge in classifica proprio il Napoli. Per gli azzurri le zone alte della classifica sono sempre più lontane. 

NAPOLI                –                   ROMA

POSSESSO PALLA

48%

52%

CALCI D’ANGOLO

12

2

FALLI LATERALI

10

4

TIRI PARATI

2

5

FALLI

8

15

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *